Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assalto alla Cgil, anche Renzi nella sede di Firenze per il presidio di solidarietà

  • a
  • a
  • a

Non sono mai mancati i battibecchi e le polemiche tra i sindacati e Matteo Renzi, ma il leader di Italia Viva ed ex premier si è presentato alle 10 di domenica 10 ottobre alla sede di Firenze della Cgil, in via Borgo Greci, per partecipare al presidio di solidarietà contro le aggressioni dei no green pass e di Forza Nuova durante la manifestazione di sabato 9 a Roma. A renderlo noto è la stessa Italia Viva.

 

 

Intanto anche il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, ha rivelato a Il Mattino le minacce ricevute pure dal suo sindacato: "Abbiamo segnalato e denunciato alle autorità competenti ogni episodio di provocazioni e di minacce alle sedi della Cisl. E' solo di due giorni fa l’ennesima lettera minatoria anche a strutture della Cisl e al sottoscritto per le posizioni assunte sull’obbligo vaccinale e sul Green Pass. Diciamo no a chi semina il terrore", ha sottolineato in una intervista al quotidiano lo stesso Sbarra.

 

 

Sbarra ha quindi proseguito: "Alla Cgil ed a Landini la più forte solidarietà da parte di tutta la Cisl. - ha sottolineato Sbarra -. Di certo non ci facciamo intimidire dai professionisti del terrore, della destabilizzazione, da squadristi neonazisti che seminano violenza. Il mondo del lavoro ha sempre risposto compatto a questi tentativi antidemocratici. Andiamo avanti senza paura nella nostra battaglia per il bene comune". Sbarra ha poi concluso: "Bisogna respingere uniti e con fermezza questo clima di odio e di intimidazione nei confronti del sindacato. - ha dichiarato il leader della Cisl -. Sollecitiamo le istituzioni, i partiti e la società civile a fermare questa deriva violenta che nulla ha a che fare con la democrazia".