Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ok a delega sul fisco senza Lega, Salvini attacca: "Noi non chiniamo il capo come gli altri partiti"

  • a
  • a
  • a

Il Consiglio dei ministri ha approvato, senza la partecipazione delle Lega alla riunione, la delega sul fisco. Un'assenza che ha provocato non poche discussioni e sulla quale è intervenuto Matteo Salvini in una conferenza stampa alla Camera dei deputati. "Io mi fido di Draghi, ma se tra un anno c’è qualcuno che tassa pure l’aria non va bene dare ora una delega in bianco - ha affermato il leader della Lega -. Qui ci sono di mezzo il lavoro, la casa e i risparmi degli italiani".

 

 

Salvini ha quindi proseguito: "C’è un problema di metodo, ministri della Lega non possono avere un documento così importante alle 13.30 per discuterlo alle 14, non stiamo parlando dell’oroscopo, parliamo della legge delega sulla riforma fiscale, di Imu, Iva, Irpef, catasto, flat tax - ha sottolineato l'ex ministro dell'Interno, motivando lo strappo del partito che non ha partecipato al consiglio dei ministri -. Non è possibile avere mezz’ora di tempo per analizzare il futuro degli italiani. I ministri della Lega mi dicevano che nei corridoi di palazzo Chigi tutti gli altri ministri di tutti gli altri partiti dicevano che avevamo ragione, ma si china il capo e si alza la manina. Tassare la casa ora - ha aggiunto Salvini - sarebbe una follia e farlo anche tra tre anni sarebbe bloccare l’edilizia adesso".