Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Conte e Grillo ancora divisi, il referendum sulla cannabis è un nuovo fronte nel Movimento 5 Stelle

Pietro De Leo
  • a
  • a
  • a

C’è un nuovo fronte che si è aperto nel Movimento 5 Stelle. Apparentemente del tutto secondario sul piano mediatico, ma comunque significativo sulla direzione intrapresa da questa forza politica e, soprattutto, sulle divisioni interne. Il nuovo leader, infatti, ha affermato di non aver dato la sua firma nella raccolta per il referendum sulla cannabis. Scelta legittima, che però si contrappone a quella adottata da Beppe Grillo.

 

 

Il fondatore del Movimento, infatti, qualche settimana fa in un post aveva dedicato un tweet alla sottoscrizione, nella quale invitava i follower a firmare. Due grammatiche del tutto opposte, quindi, che peraltro al di là delle distanze tra le due figure, notoriamente marcate, indicano anche quale direzione voglia imprimere Giuseppe Conte alla creatura politica, ossia verso un’alleanza di centrosinistra. La proposta di referendum sulla cannabis legale (anche a causa della possibilità di poter firmare via web, utilizzando al proprio spid) ha raggiunto e superato nel giro di una settimana le 500 mila firme, e questo ha aperto un solco nell’area di centrosinistra.

 

 

Una parte, da Sinistra Italiana a +Europa, ha sposato la sottoscrizione popolare. E poi c’è il Pd, che se ne tiene ben distante sostenendo una proposta di legge sulla coltivazione della cannabis domestica. Su cui è stato appena votato il testo base. Si tratta di un iter ancora molto lungo, destinato ad essere sorpassato dai tempi referendari. Ebbene, Conte, forse anche mosso da convinzioni personali (interpellato più volte sul tema, ha preferito deviare la questione sulla cannabis terapeutica) ha ancorato il partito al centrosinistra parlamentare. Contravvenendo così ad uno dei cromosomi inscritti nel Dna pentastellato: la democrazia diretta. Un principio che nel grillismo delle origini sembrava sacrosanto, ma che evidentemente nell’era del prof può essere tranquillamente superato. Anche questa è una evoluzione di cui tener conto.