Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paura passata, Silvio Berlusconi dimesso dal San Raffaele: "Solo accertamenti post Covid"

  • a
  • a
  • a

Paura passata per Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia infatti è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano poco prima delle 16 di venerdì 27 agosto, come peraltro atteso.

 

 

L’ex premier era ricoverato da giovedì 26 nell’Irccs meneghino che vede a capo il medico di fiducia Alberto Zangrillo, per essere sottoposto - secondo quanto riferito da fonti parlamentari azzurre venerdì 27 - ad accertamenti di routine. Si tratterebbe delle terapie post Covid che Berlusconi è chiamato a effettuare periodicamente. "Dalla Puglia un saluto affettuoso a Silvio Berlusconi, ricoverato per una serie di controlli che i medici hanno voluto predisporre. In bocca al lupo", aveva scritto su twitter il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani. Intanto ha fatto discutere nelle ultime ore l'offerta che Berlusconi avrebbe fatto a Malagò, presidente del Coni, di guidare Forza Italia. Un'offerta declinata dal massimo dirigente dello sport italiano.

 

 

Sulla vicenda si è espressa così la parlamentare di Coraggio Italia, Michaela Biancofiore. "Non mi sorprende che il presidente Berlusconi abbia cercato di incoronare l’ottimo presidente del Coni Malagò, sul trono più alto, dopo il suo, di Forza Italia - ha commentato -. Malagò è un vincente, un uomo di sport, un imprenditore, l’immagine calzante per quella che era la mia Forza Italia. E non mi sorprende nemmeno che il Presidente del Coni abbia declinato l’offerta. Dopo essermi sgolata per anni rimanendo afona, è un buon segno che il presidente abbia preso coscienza dello sfacelo prodotto da alcuni suoi massimi dirigenti che come punta dell’iceberg, hanno portato alla fuoriuscita di circa 53 parlamentari da inizio legislatura senza fare autocritica. E 
Berlusconi intuisce bene che se non porta immediato rimedio a questa parabola - ha aggiunto ancora Biancofiore - la diaspora dopo le amministrative di ottobre, poco prima dell’elezione del Presidente della Repubblica, sarà irrefrenabile".