Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

M5S, "blitz a Roma di Grillo". C'è la telefonata a Conte per ricucire ma non basta

  • a
  • a
  • a

Scontro nel Movimento 5 Stelle. Ci sarebbe stata una telefonata tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Secondo fonti vicine al garante del M5S, si starebbe aprendo qualche timido spiraglio nella difficile partita tra il fondatore e l’ex premier, dopo l'incidente di giovedì scorso con l’affondo di Grillo contro l’ex presidente del Consiglio. Ma fonti parlamentari che hanno sentito Conte riferiscono che rimarrebbero ancora le distanze tra i due e che i nodi principali non sarebbero stati assolutamente sciolti.

 

 

Questa mattina i ’pontieri' a lavoro per ricucire erano pessimisti: "ci sono pochi margini", confidavano diversi ’big’ del Movimento secondo quanto riporta l'agenzia Adnkronos. Ma nelle ultime ore ci sarebbero stati segnali di distensione da parte del garante del M5S, anche se la trattativa appare comunque complessa, in salita. Anche perché, sostengono fonti vicine al fondatore del Movimento, l’ex premier vorrebbe "piena agibilità politica", ammesso che basti per tornare sui suoi passi. Anche se ieri, in un post sui social dopo la Vittoria degli azzurri, Conte sembrava rivolgersi al popolo dei 5 Stelle: "é nei momenti di difficoltà che si vede la forza della squadra".

 

 

 

Tanti i commenti dei follower che lo incitavano a non mollare e a prendere il timone del Movimento. Ma la trattativa appare comunque appesa a un filo. "Intanto non si esclude un blitz di Grillo a Roma nelle prossime ore", riferisce ancora Adnkronos che lascia intendere la volontà di arrivare a un chiarimento in breve tempo. La base è in fermento così come i deputati.

"Abbiamo bisogno di Grillo, antisistema e radicale, che guarda con attenzione agli ultimi e alla crisi ambientale, ma anche di Conte, pragmatico e istituzionale, che sa arginare conflitti e placare egoismi e isolamenti nella società, in un contesto storico in cui ci sono sfide planetarie da affrontare e importanti risposte ancora da dare", dice Luigi Gallo, deputato del M5S.