Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvini, attacco a Letta: "E' un piccolo uomo, in altri tempi lo avrei portato in tribunale"

  • a
  • a
  • a

Matteo Salvini è intervenuto a Quarta Repubblica, il programma di Nicola Porro su Rete4 nella puntata di lunedì 21 giugno. "Sono contento del parere del Cts sulle mascherine (via l'obbligo all'aperto da lunedì 28 ndr), per rispondere ai soloni come Letta, che ha avuto il pessimo gusto di dire che con Salvini al governo ci sarebbero stati centinaia di migliaia di morti, come in Brasile - ha affermato il leader della Lega -. E' mancanza di rispetto, è fare una politica brutta, è triste. In altri tempi l’avrei portato in tribunale, è una idiozia dire che con Salvini al governo ci sarebbero stati centinaia di migliaia di italiani morti. Si è visto il deserto di partecipazione alle primarie. Letta è un piccolo uomo . ha aggiunto -. Che dopo un anno e mezzo di morte, di paura, di terrore, di lockdown sia lì a fare il calcolo politico sul sondaggio, sullo zero virgola...".

 

 

Salvini ha quindi parlato della proposta di Draghi di spostare la finale dell'Europeo lontano da Londra, con Roma che a quel punto diverrebbe una candidata seria a ospitare l'ultimo atto della rassegna continentale: "Bravo Draghi. Finalmente un presidente del Consiglio che in un contesto internazionale non china il capo di fronte al potente di turno ma difende l’interesse nazionale italiano", ha sottolineato Salvini, che poi ha detto la sua sulla polemica legata ai giocatori azzurri che non si sono inginocchiati per solidarietà al movimento antirazzista del Black Lives Matter.

 

 

"Lasciamo che i giocatori di pallone giochino a pallone. Questi ragazzi stanno regalando dei sogni agli italiani, il processo del segretario del Pd ai nostri ragazzi che non si inginocchiano è penoso. Il razzismo si combatte con i fatti, non è con i giocatori inginocchiati he si combatte il razzismo", ha dichiarato ancora il leader della Lega.