Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi, appello a Meloni e Salvini: "Partito unico del centrodestra entro il 2023"

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi lancia un appello a Matteo Salvini e Giorgia Meloni in vista delle elezioni politiche del 2023. "Dobbiamo costruire da qui al 2023 quel partito unico che rappresenti la maggioranza degli italiani e che dia stabilità al governo del centrodestra".

 

Il leader di Forza Italia lo ha detto intervenendo telefonicamente alla convention organizzata del partito "Italia, ci siamo", in corso a Castione della Presolana, in provincia di Bergamo. L’idea di Berlusconi è quella di "costruire un partito repubblicano sul modello americano, nel quale il centro e la destra democratica si trovino insieme per governare il Paese". "Nei giorni scorsi ho parlato, e intendo continuare a farlo, di centrodestra italiano. Parlo della costruzione di un unico partito che si candida a governare il Paese. Un centrodestra orgogliosamente italiano, ma anche orgogliosamente europeo e occidentale, nel quale ognuno porti la sua identità, i suoi valori, la sua storia, ma che sappia parlare con una voce unica agli elettori. Quando ho parlato di partito unico del centrodestra ho ricevuto molti consensi ma anche risposte scettiche o dubbiose. Non me ne meraviglio affatto, anzi direi che ci sono abituato. Sono abituato alle reazioni negative e allo scetticismo", ha spiegato.

 

Riguardo alle sue condizioni di salute, ha aggiunto: "Ora fortunatamente sto meglio ma i medici, per affetto e prudenza, ancora non mi consentono di partecipare ad eventi pubblici. Vi prometto però di essere presto con voi, anche in vista degli importanti appuntamenti elettorali di questo autunno. Ci anima la passione civile, l’amore per il nostro Paese con il quale siamo scesi in campo 27 anni fa e con il quale guardiamo al futuro. È la ragione per la quale sono ancora in campo e intendo rimanerci, nonostante tutto quello che mi è successo in questi anni, nonostante una strumentalizzazione di vicende giudiziarie del tutto infondate", ha concluso.