Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fedez, accuse a Franceschini: "Meno propaganda sui lavoratori dello spettacolo". Poi svela il testo del messaggio whatsapp

  • a
  • a
  • a

Dure accuse di Fedez contro il ministro della cultura e dello spettacolo, Dario Franceschini. Nel mirino del cantante c'è il sostegno ai lavoratori del settore.

 

"Questo settore è riconducibile ad un Ministero e anche ad un ministro che ha un nome e cognome perciò mi rivolgo direttamente al ministro Franceschini. Siccome di riunioni ce ne sono state e anche di messaggi che ha inviato agli artisti, io stesso ho ricevuto un fantastico messaggino di Franceschini su whatsapp che mi annunciava di aver approvato le norme per il welfare dei lavoratori dello spettacolo attese da anni e 'chieste da voi', forse sarebbe il caso di fare un pò meno propaganda e annunci e di fare esattamente ciò che si dice di fare". Così Fedez nel corso dell’incontro in parte virtuale e in parte in presenza della conferenza stampa di Scena Unita, il fondo creato per i lavoratori della musica e dello spettacolo. Al meeting hanno partecipato tra gli altri Shade, Michele Bravi, Gaia, Manuel Agnelli e Giusy Ferreri.

 

"Qui ci sono lavoratori e persone del settore che stanno smentendo ciò che ha annunciato Franceschini. Serve una politica fatta di meno annunci e propaganda e di più pragmatismo. Servono finanziamenti che non siano rivolti solo a un circoletto elitario", conclude Fedez. Grazie ai fondi raccolti dagli artisti, capitanati da Fedez, sono già stati erogati 1,6 milioni di euro a favore dei lavoratori e delle maestranze che operano nel mondo dello spettacolo, della musica, dell’audiovisivo e degli eventi, duramente colpiti dalla drammatica crisi. La parte restante di 251.000 euro ha dato un contributo a fondo perduto diretto al sostegno delle imprese individuali dello spettacolo, della musica, dell’audiovisivo e degli eventi e che rientrano nell’elenco delle categorie e che sono state marginalmente aiutati da altre forme di ristoro.