Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, morta donna di 37 anni a Genova. Aveva contratto il virus due mesi fa

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Una donna di 37 anni, che aveva contratto il Covid circa due mesi fa, è deceduta oggi, giovedì 3 giugno, presso l'ospedale Policlinico San Martino di Genova. Lo conferma la direzione sanitaria dell'ospedale. Le condizioni della donna, dopo 10 giorni di ricovero alla Spezia, si sono aggravate ed è stato richiesto il trasferimento nel capoluogo ligure.

La 37enne durante il ricovero ha avuto un arresto cardiaco a complicanze polmonari e uno pneumotorace bilaterale. È stata trattata per oltre 1 mese in Ecmo, si legge nel bollettino del nosocomio, una particolare terapia volta a escludere i polmoni e permettere l'ossigenazione del sangue. Non si sono però registrati significativi miglioramenti del quadro clinico fino al sopraggiungere del decesso. La vittima è Sara Funaro, 37 annimoglie di un commerciante. L'associazione si stringe al dolore della famiglia: "Confcommercio - si legge in una nota - si stringe al profondo dolore dell'amico e collega Mario Funaro che ha perso la sua adorata figlia Sara, scomparsa prematuramente all'età di soli 37 anni. La giovane Sara Funaro, che ha collaborato in Confcommercio e da molti anni lavorava da Zara, lascia anche la piccola Camilla di appena due anni, la sorella Romina e la nipote Alice". Aveva una figlia di due anni.

Intanto in Liguria da domani 4 giugno (dalle 23 sul portale www.prenotazionevaccino.it e da lunedì anche al numero verde 800 938 818, farmacie che effettuano il servizio Cup, sportelli cup di Asl e ospedali) partiranno in Liguria le prenotazioni per la fascia d’età 35-39 anni mentre dalle 23 di lunedì 7 giugno partirà la prenotazione del vaccino per la fascia di età 12-18 anni (compiuti) attraverso il portale dedicato e, dal giorno dopo, anche attraverso gli altri canali: “Lunedì sono già stati convocati i pediatri di libera scelta - ha detto il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti -, visto che saranno loro a somministrare i vaccini agli under 18. Partiamo prima con loro perché avranno una linea specifica”.