Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, mazzo di fiori a Lilli Gruber. "Ci sono voluti due anni, ma accetto" | Video

  • a
  • a
  • a

Matteo Salvini regala un mazzo di fiori a Lilli Gruber. Tra la conduttrice regina de La 7 e il leader leghista non sono mancati gli scontri, ma all'inizio della puntata di Otto e mezzo di giovedì 3 giugno. ""Dopo due anni, le donne non hanno tutta questa pazienza. La ringrazio", ha chiosato la conduttrice dando inizio al dibattito al quale ha partecipato, in collegamento anche il direttore de La Stampa Massimo Giannini. "Ogni promessa è debito. Dopo il Covid dobbiamo essere tutti più buoni", ha detto Salvini. 

 

 

Salvini ha iniziato parlando del suo rapporto con la Fede: "Per un periodo della mia vita avevo lasciato la fede in terzo piano. ritornare a credere in qualcosa mi aiuta nella vita di tutti i giorni". Ostentazione? "No solo condivisione della fede", ha risposto il leader leghista. Lilli Gruber ha provato a stuzzicarlo anche sui sondaggi e sulla crescita nell'ultimo anno di Fratelli d'Italia con la Meloni che insidia la sua leadership: "Tutti i sondaggi danno la Lega primo partito e finché il centrodestra tutto è in crescita io sono contento. I miei avversari sono Pd e M5s. Se Meloni crescere posso essere solo contento",

 

"Noi accompagneremo Draghi fino alla fine della legislatura, tra un anno e mezzo. Spero vada avanti il più possibile sta dando energia e speranza nuova all'Italia. Se penso a Conte e ai banchi a rotelle, mi sembra che sia cambiato il mondo", ha aggiunto Salvini. Non è mancato un accenno alle elezioni amministrative nelle grandi città. "Io vado d'amore e d'accordo con Meloni e Berlusconi. Io gioco per vincere, sui giornali dicono che il centrodestra è diviso ma non è vero, stiamo scegliendo i candidati e domani incontrerò Michetti. Settimana prossima ci saranno i nomi". I vertici del centrodestra continueranno per cercare di mantenere unita la coalizione nella grandi città. Salvini si è detto dunque fiducioso per un accordo tra i partiti.