Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Sgarbi, rosario di Fatima regalato da Salvini durante vertice per sindaco di Roma. Lui preferisce Luca Barbareschi | Video

  • a
  • a
  • a

Vittorio Sgarbi mostra il rosario della Madonna di Fatima che gli ha regalato il leader della Lega Matteo Salvini durante il vertice del centrodestra che si è svolto martedì 1 giugno per trovare l'accordo sui candidati sindaco delle grandi città, tra le quali Roma per la quale Sgarbi aveva avanzato nei mesi scorsi la sua candidatura iniziando a fare campagna elettorale. "Martedì ci incontriamo di nuovo per valutare Michetti visto che per esempio io e salvini non lo conoschiamo", ha detto il parlamentare e critico d'arte all'uscita del summit mostrando il regalo che il leader leghista ha fatto a lui e a tutti gli altri partecipanti al vertice.

 

Per la verità alla vigili Sgarbi era arrivato al vertice con tutta un'altra idea. "Cosa fare per rilanciare la Capitale? Innanzi tutto valutare le proposte civiche con attenzione, al vertice del centrodestra oggi proporrò la candidatura di Luca Barbareschi come sindaco di Roma, mi sembra un buon nome rispetto ad altre proposte. Ancora non si è arrivati ad una decisione definitiva...". Lo dice all'Adnkronos Vittorio Sgarbi, commentando la prossima candidatura del centrodestra a Roma. "Poi è doveroso rilanciare la cultura - aggiunge -, dobbiamo riportarla ad un primato di Roma. Se pensiamo a Parigi, la somma dei musei della Capitale è certamente superiore al Louvre. Bisogna ritornare ad un'immagine di Roma legata alla civiltà, alla tradizione della cultura e alla grandezza".

 

"Serve un sindaco che dica 'Roma è la capitale della cultura del e per il mondo' e che lo metta in pratica, che metta appunto la cultura davanti al mondo, come un'idea indiscussa, condivisa e universale. Il marchio del sindaco deve essere - conclude Sgarbi - Roma, cultura e cristianesimo". La ricerca di un candidato unico per il centrodestra su Roma e Milano si sta complicando sempre di più anche se i partiti sono fiduciosi su un'intesa.