Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maneskin, Matteo Salvini sfotte i francesi. E Parigi annuncia: "Nessun ricorso"

  • a
  • a
  • a

"Bisogna saper perdere, chi lo spiega ai francesi?". Matteo Salvini, leader della Lega, prende in giro i transalpini sulla vicenda di Eurovision, in cui nella fase finale, grazie alla votazione del pubblico, il gruppo italiano dei Maneskin ha superato la cantante transalpina Barbara Pravi e conquistato una storica vittoria. Strumentalizzando immagini della finale, in cui si vedeva il leader del gruppo, Damiano David, chinarsi su un tavolo, i francesi hanno iniziato a ipotizzare il consumo di cocaina e la possibilità di chiedere la squalifica. Mentre i Maneskin respingevano al mittente le accuse e si dicevano disposti a sostenere addirittura le analisi per dimostrare che non consumano droga. Sui social è stato subito tirato in ballo il capo del Carroccio con una fake news e un fotomontaggio, spacciando per suo un tweet che non ha mai rilasciato e in cui il gruppo veniva criticato. 

 

 

I Maneskin si sono detti scioccati per quello che veniva sostenuto nei confronti di Damiano. Hanno ribadito che "siamo davvero contro le droghe e non abbiamo mai usato cocaina. Siamo pronti a fare un test, perché non abbiamo niente da nascondere. Siamo qui per suonare la nostra musica e siamo così felici della nostra vittoria all'Eurovision. Vogliamo ringraziare tutti per il supporto. Il rock'n roll non muore mai. Vi vogliamo bene".

Salvini ha ritwittato le dichiarazioni del gruppo, ha tirato una bella bordata ai francesi e fatto i complimenti a Damiano: "Bravo e bravi i Maneskin, le vostre parole contro le droghe siano di esempio a molti". Tweet che naturalmente ha innescato la solita discussione. Ma non è la sola novità. Dopo le dure polemiche i francesi hanno fatto un passo indietro, riconosciuto la vittoria dei Maneskin all'Eurovision e annunciato che non ci sarà alcun ricorso. E' stata Delphine Ernotte, numero uno della tv pubblica francese, a spiegare al quotidiano Le Parisien che non c'è alcuna intenzione di sporgere un reclamo, a prescindere da quale sia il risultato di un test anti droga: "Il voto è estremamente chiaro e in favore dell'Italia. Non ha rubato la vittoria ed è questo quello che conta".