Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maneskin, Matteo Salvini finisce in un sinistro complotto: il falso post social

  • a
  • a
  • a

I social sono sempre più il regno delle bufale, delle fake news e persino delle invenzioni. E da anni sono considerati il terreno ideale per gli scontri politici, anche scorretti e inventati. Stavolta nel tritacarne con una invenzione ci finisce anche Matteo Salvini, leader della Lega, attaccato sulla vicenda dei Maneskin che hanno vinto l'Eurovision e sulla polemica sollevata dai francesi per un fantasioso uso di cocaina, aspetto duramente smentito dai componenti del gruppo e non solo da loro: non era droga, ma caccia ai vetri. Spunta l'immagine di un ipotetico post di Matteo Salvini che attaccherebbe frontalmente i Maneskin per la droga. In pratica il leader del Carroccio accuserebbe il frontman della band romana di non dare un buon esempio ai bambini: "Come è possibile fare uso di droghe davanti a milioni di ragazzini? Roba da matti". Ma non è un post vero.

La verità la traccia Bufale.net che spiega cosa è accaduto e sentenzia senza giri di parola: "Il post di Matteo Salvini su Damiano dei Maneskin che sniffa cocaina all’Eurovision è un falso". Un post che qualcuno ha inventato e che non esiste. Nell'articolo si legge che "la verifica dei post pubblicati dal leader del Carroccio su Facebook e il controllo della cache della pagina non portano risultati. Di fatto, il post di Matteo Salvini è un falso che dimostra, ancora una volta, una certa tendenza a considerare attendibili semplici immagini condivise sui social, seppur non accompagnate da fonti attendibili. Un’immagine non è una fonte, mai".

Quindi ancora una volta un vero e proprio falso, come in passato è già accaduto più volte quando ad un politico vengono attribuite dichiarazioni che non ha pronunciato oppure frasi soltanto a metà o anche peggio. E' sempre più difficile capire quando una notizia pubblicata sui social sia vera oppure falsa e il gioco con le immagini taroccate è ormai sempre più frequente. L'indicazione è proprio quello che dà bufale.net: una immagine non è mai una fonte.