Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piazzapulita, Bersani: "Noi unico Paese che in piena pandemia ha smontato un governo perché disuniti"

  • a
  • a
  • a

Pierluigi Bersani non si è tirato indietro, ospite oggi 20 maggio 2021 a Piazzapulita su La7, nell'analizzate le tematiche politiche di stretta attualità. Ma non sono mancati i passaggi sul recente passato. L'ex segretario del Partito Democratico, ruolo ricoperto dal 2009 al 2013, ha iniziato così: “Siamo l’unico paese al mondo che in piena pandemia ha smontato un governo perché siamo disuniti. E menomale che c’è Draghi...".

 

 

Sul tema del prossimo presidente della Repubblica dice che "maschera il disagio politico di una maggioranza che non ha ragioni politiche per stare insieme". Quindi ha detto la sua sulla proposta avanzata da Enrico Letta, attuale segretario del Pd: "Ha il difetto di parzialità. Dobbiamo sistemare un fisco che fa schifo, ma non possiamo farlo a singoli pezzi. Oggi il peso delle tasse è sui ceti medi. Bisogna riequilibrare ma con una progressività".

 

 

Non ha mancato poi di dare una carezza all'ex premier Giuseppe Conte con una delle sue immancabili metafore: "Conte veniva fischiato dalla Tribuna Vip anche quando faceva gol. E ne ha fatti diversi. Poi capita di sbagliare i calci di rigore”. A proposito delle metafore, Bersani è stato spesso oggetto della satira del comico Maurizio Crozza, per le insolite metafore che è solito usare nei discorsi politici e nelle dichiarazioni alla stampa. Bersani ha sempre accettato di buon grado queste imitazioni, arrivando addirittura a partecipare, con lo stesso Crozza (durante lo spettacolo Italialand), a un duello di metafore scritte ad hoc dal comico e dai suoi autori. Più volte Bersani ha ribadito l'importanza della metafora come strumento per avvicinare un concetto alla mente delle persone, in maniera chiara e cristallina. Tra le metafore frequentemente utilizzate da Bersani, alcune tra le più note sono "pettinare le bambole", "smacchiare i giaguari", entrambe con il significato di "attività inutile", o "la mucca nel corridoio sta bussando alla porta", usata per commentare la rabbia sociale dietro alla vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016.