Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Otto e mezzo, "Non sai fare la fila". Imprenditore provoca Andrea Scanzi. Rissa da Lilli Gruber

  • a
  • a
  • a

Rissa a Otto e mezzo tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano Andrea Scanzi e il vicepresidente di Federalberghi Giuliano Guida Bardi. E' bastata una battuta dell'imprenditore ad accedere i toni finché la padrona di casa Lilli Gruber non è riuscita tutti a richiamare all'ordine. E' accaduto tutto durante la puntata di lunedì 11 maggio. L'imprenditore parlando delle riaperture ha lanciato un paio di frecciate agli esperti medici affinché d'ora in poi facciano un passo indietro. In particolare ha puntato Massimo Galli e Andrea Crisanti: “Abbiamo visto di tutto, epidemiologi, esperti di zanzare, pseduo-virologi. Se c’è un momento perfetto per ritirarsi dalla tv, è proprio questo”.

 

 

Subito dopo la parola è andata a Scanzi che, in collegamento con lo studio, ha replicato: “Non sono per niente d’accordo, spero che gli esperti continuino a parlare in tv. Al massimo se qualcuno deve nascondersi nei prossimi mesi è lei o il sottoscritto, magari a non ascoltare Galli o Crisanti gli italiani qualcosa perdono”. 

 

A quel punto Bardi ha lanciato un'altra battuta al veleno, questa volta rivolta al giornalista: “Capisco che non è abituato a fare la fila ma…”. Chiaro riferimento alla polemica sul vaccino Astrazeneca che alcune settimane fa il giornalista ha fatto utilizzando le liste dei riservisti. “Ma chi te l’ha preparata questa battuta? Da quanto l’avevi pronta?”, ribatte Scanzi. Ne è nato un acceso battibecco: "Il tempo di riconoscerla ed ero già pronto”, “chi è lei per dire a Galli o Crisanti quando e come andare in tv? Ma chi cavolo è lei?”, “io sono Bardi”. Alla fine per stemperare tutto e per chiudere lo scontro è intervenuta la professoressa Salmaso: “Se non parlano gli scienziati si dice che 'stanno nella torre eburnea', se vanno in televisione dicono quello che pensano... Che dobbiamo fare?". Alla fine tutto in studio è tornato alla normalità.