Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quarta Repubblica, le anticipazioni del 17 maggio: la Loggia Ungheria e il Sistema Saguto

  • a
  • a
  • a

Anche quella di questa sera, lunedì 17 maggio, è annunciata una puntata di Quarta Repubblica molto intensa. Come tutti i lunedì inizio alle ore 21.25 per il programma condotto da Nicola Porro su Rete 4. Questa settimana al centro del talk la questione giustizia legata alla Loggia Ungheria, ma ovviamente pure il Covid e i problemi legati alla pandemia, oltre all'immigrazione e non solo. E' previsto anche un dibattito sul disegno di legge Zan contro l'omotransfobia. Come tutte le settimane saranno numerosi e autorevoli gli ospiti presenti in studio o solo collegati. A partire dal protagonista del faccia a faccia con lo stesso Nicola Porro. Intervista a Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane

Oltre all'ad delle Poste, annunciata la partecipazione di Bruno VespaAlessandro Sallusti, Piero Sansonetti e il giurista Carlo Nordio. Ma le anticipazioni della puntata di oggi, lunedì 17 maggio, segnalano anche un'inchiesta sul Sistema Saguto che nasce dal nome dell'ex presidente della sezione misure prevenzione del Tribunale di Palermo. Inoltre un approfondimento anche sul fallimento della redistribuzione tra i Paesi europei dei migranti soccorsi in mare, prevista dall’Accordo di Malta del settembre 2019. E' in programma, inoltre, un reportage tra i pescatori di Mazara del Vallo che ormai sono sempre più spesso oggetto di assalti e tentativi di sequestro. 

Oltre agli ospiti annunciati, ci saranno anche Licia Ronzulli, senatrice di Forza Italia; i giornalisti Toni Capuozzo, Daniele Capezzone e Marina Terragni; il sociologo Luca Ricolfi; suor Anna Monia Alfieri; il professore di Storia contemporanea all’Università del Molise, Marco GervasoniVladimir Luxuria e Marilena Grassadonia di Sinistra Italia. Ovviamente puntuali come tutte le settimane le incursioni di Vittorio Sgarbi e di Gene Gnocchi. Il critico d'arte e parlamentare in questi giorni è nel pieno di una dura polemica per la recente campagna pubblicitaria che è stata realizzata da Dietorelle.