Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini: "Da giugno niente coprifuoco né colori. L'immigrazione? No al luna park Italia"

  • a
  • a
  • a

"Da giugno non ci saranno più coprifuoco né distinzioni di colori tra le regioni". Lo ha assicurato Matteo Salvini. Il leader della Lega è intervenuto nella puntata di Fuori dal Coro, il talk condotto da Mario Giordano su Rete 4, martedì 11 maggio. "E' una richiesta che le regioni italiane tutte, di destra e di sinistra, guidate da Massimiliano Fedriga del Friuli, faranno già dalla giornata di domani. E quindi da giugno non ci saranno più coprifuoco, limitazioni, zone arancioni o zone rosse. Anche perché con le valutazioni, visto lo scorso anno, le temperature e il piano vaccinale, non sono uno scienziato, ma posso immaginare che tutta Italia sarà tra il bianco e il giallo per l'intera stagione estiva".

 

 

Salvini ha anche aggiunto che "ovviamente bisogna dare delle rassicurazioni e accelerare sul piano vaccinale. Quale è il problema? E' che non arrivano i vaccini da Bruxelles. Faccio l'esempio della Lombardia. Ho parlato con Guido Bertolaso e la Regione ha una macchina che potrebbe somministrare 130mila dosi al giorno ma deve fermarsi a 70-80mila perché mancano le fiale".

Nella sua partecipazione alla trasmissione, il leader del Carroccio ha parlato anche dell'emergenza immigrazione: "Dall'Europa non mi aspetto nulla. Ho chiesto l'intervento direttamente del presidente Draghi, perché il ministro Lamorgese non mi sembra che abbia brillato per efficacia". Mario Giordano ha chiesto a Salvini se sarebbe d'accordo con il blocco navale: "No. Io quando ero al governo non ho fatto blocchi navali, semplicemente guidavo una squadra che insieme gestiva in maniera intelligente l'immigrazione. Ragionando con i libici, con gli egiziani, con i tunisini. Non regalando alle ong milioni di euro e biglietti premio al luna park Italia. Dando diritti a chi aveva diritti, ma espellendo chi diritti non ne aveva".