Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Festa della mamma, il ministro Elena Bonetti: "Il mio pensiero va a Luana"

  • a
  • a
  • a

Il ministro per la famiglia, Elena Bonetti, ricorda Luana D'Orazio in occasione della festa della mamma di oggi, 9 maggio. La 22enne è morta pochi giorni fa a Prato, nell'azienda tessile dove lavorava.

 

"È la festa della mamma, un augurio a tutte noi. Il mio pensiero oggi non può che essere per Luana, che tanti giorni come questo avrebbe dovuto vivere con gioia. È un giorno per dare valore agli abbracci ma anche per stringersi alle tante mamme sole". Così la ministra per le pari opportunità e la Famiglia su twitter. Anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha ricordato la ricorrenza di oggi con un post su Facebook: "Auguri a tutte le mamme, tenere e implacabili combattenti, in questa Italia che non le difende, dimenticando che deve loro moltissimo". Una dura disamina sulla condizione delle mamme in Italia arriva dalla leader della Cisl, Francesca Cavallaro. "Auguri a tutte le mamme, mai come in questo anno di pandemia, inesauribili fonti di energia prodotta per seguire le esigenze della famiglia e affrontare un mondo del lavoro che le penalizza. L’Italia non è un Paese per mamme. Non lo è soprattutto il mezzogiorno d’Italia, come conferma l’ultimo rapporto diffuso da Save the Children su maternità e lavoro. Novantaseimila mamme hanno perso l’occupazione e la maggior parte di esse risiedono nelle regioni del Sud. Numeri che rimarcano le disuguaglianze tuttora esistenti tra le regioni meridionali e quelle settentrionali", ha spiegato.

 

"Una situazione che si è solo aggravata con il Covid ma che già prima della pandemia vedeva molte donne lasciate fuori dal mercato del lavoro. Le cause sono molteplici ma è la maternità a rappresentare troppo spesso un fattore determinate. È una barriera che va abbattuta con interventi mirati che diano alle donne l’opportunità di conciliare al meglio il ruolo di madre e di lavoratrice, senza dover necessariamente scegliere l’uno a scapito dell’altro. Scelte che peraltro comportano pesanti conseguenze negative anche in materia di trattamento pensionistico, a dispetto del loro massiccio impegno complessivo", ha concluso Cavallaro.