Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Verissimo, Giorgia Meloni: "Bullismo e hater, ho sofferto". Toffanin sconvolta

  • a
  • a
  • a

Giorgia Meloni a Verissimo, ma niente politica. L'intervista di Silvia Toffanin (la conduttrice è rimasta basita da alcuni racconti dei Meloni) andrà in onda domani, sabato 8 maggio, Canale 5. La leader di Fratelli d’Italia ha raccontato la sua vita e in particolare la sua infanzia, caratterizzata dall’amore per la madre e la sorella ma anche dal burrascoso rapporto con il padre.
Inoltre Meloni ha rivelato di aver subito episodi di bullismo durante l’adolescenza perché un po’ in sovrappeso : "Mi chiamavano cicciona. I nemici hanno sempre un’utilità perché ti fanno crescere e mettere in discussione".

 

 

 

Anche acquisire credibilità in politica, da giovane donna, non è stato facile: "Non mi sono mai sentita discriminata per il fatto di essere una donna, ma magari a qualcuno non piaceva l’idea di avermi come condottiera. Ho reagito con la determinazione e il buon esempio".

Meloni è sempre al centro di numerose critiche che non hanno risparmiato neanche il suo lato più intimo di mamma: "Le critiche sono la cosa più naturale per chi fa il mio lavoro. Gli insulti non li leggo e non mi fanno quasi più male. Però, ho sofferto quando annunciai di aspettare mia figlia Ginevra al Family Day. Ci sono stati molti hater che mi hanno augurato di abortire. Questa cosa l’ho patita perché mi sono sentita in colpa, come se, alla prima prova di maternità, non l’avessi protetta".

 

 

 

E a chi le dà dell’omofoba dice: "È falso e verificabile perché io faccio politica da trent’anni e in tutto il mio percorso non si trovano parole omofobe. Certe etichette si affibbiano alle persone per non doversi mettere a confronto". Nel libro l’ex ministro parla anche della sua visione della maternità e dei suoi sensi di colpa per non aver potuto dare un fratello alla figlia: "Per il legame che ho con mia sorella, è dura accettare che Ginevra sia figlia unica. Quando diventi madre e come se smettessi di vivere avendo come baricentro te stesso. I figli ti fanno sperimentare tutte le tue emozioni più grandi". Oggi, la leader di Fratelli d’Italia è felicemente innamorata del compagno Andrea con il quale non è ancora convolata a nozze: "Lui non soffre per il ruolo politico che ricopro. L’amore ha senso se riesci a fare squadra - e conclude - non parliamo di matrimonio, anche se credo nei suoi principi. È come se le cose fossero già in equilibrio".