Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berlusconi dimesso dall'ospedale dopo 24 giorni. Accordo con il medico Zangrillo per lasciare il San Raffaele

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi ha lasciato l'ospedale ed è tornato a casa. E' stato dimesso dal San Raffaele di Milano la sera di venerdì 30 maggio ed è rientrato nella villa di Arcore, dove ha trovato Marta Fascina, presenza ormai consolidata nella sua vita. E' il Corriere della Sera a scrivere che stando ai rumors, il medico di fiducia, Alberto Zangrillo, non era d'accordo sulle dimissioni dell'ex premier. E' stata poi raggiunta una intesa, allestendo nell'abitazione di Berlusconi una vera e propria camera di ospedale con tutte le strumentazioni che sono considerate necessarie per l'effettuazione delle cure di cui ha bisogno, ma soprattutto dei controlli.

All'ospedale Berlusconi ha trascorso quasi un mese, per l'esattezza 24 giorni. Era arrivato in elicottero dalla Francia, da Châteauneuf-Grasse (Valbonne) dove ha la villa la figlia Marina, in Costa Azzurra. Un ricovero intenso e considerato molto importante a causa delle precarie condizioni dell'ex presidente del consiglio dei ministri. Secondo i sanitari la salute di Silvio Berlusconi deve essere tenuta sotto stretto controllo, anche eseguendo ripetutamente gli esami. Il presidente di Forza Italia è stato ricoverato varie volte in quest'ultimo periodo.

Sempre stando a quanto scrive il Corriere della Sera, Silvio Berlusconi è debole per una serie di fattori. Il primo è la patologia infiammatoria di cui soffre ormai da diverso tempo che ultimamente è peggiorata a causa del Covid 19. Si aggiungono, inoltre, i problemi cardiologici. Berlusconi era stato in ospedale per il virus lo scorso mese di settembre, dovendo affrontare una polmonite bilaterale. Uscito dall'ospedale aveva dichiarato senza mezzi termini che era stata la partita più difficile di tutta la sua vita. Stando alle indiscrezioni ora sta meglio rispetto ai giorni scorsi, ma ovviamente i controlli di alcuni valori devono essere continui. Da qui il patto con Zangrillo per il rientro nella villa di Arcore.