Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Gelmini: "Al ristorante fino alle 22 ma nessuna multa per chi ritorna a casa"

  • a
  • a
  • a

Il ministro per gli affari regionali, Maria Stella Gelmini (Forza Italia) interviene nel dibattito sul coprifuoco alle ore 22 e sulle cene al ristorante, con relativo rientro a casa entro quell'ora. Il ministro ha assicurato che "si può rimanere al tavolo fino alle 22 e poi tornare a casa senza ricevere alcuna multa", mettendo così in qualche modo la parola "fine" a un dibattito che in questi giorni ha prodotto tensioni a livello istituzionale - tra governo e regioni - tra gli stessi partiti di maggioranza e anche ironie e dibattiti sui media di tutto il Paese.

 

Sul decreto Covid, in vigore da domani e per ora esteso fino al 31 luglio, Gelmini spiega: "Si poteva fare di più, ma qualcuno voleva fare molto di meno. Le riaperture sono una vittoria per gli italiani", ha detto il ministro in una intervista al Messaggero "Quasi tutta Italia è in zona gialla, i nostri ragazzi tornano a scuola, ripartono tante attività economiche. C’è stata qualche polemica sul coprifuoco e sulla difficoltà per i ristoratori ad erogare i propri servizi la sera. Ma voglio chiarire un punto: chi va a cena fuori può stare tranquillamente seduto al tavolo fino alle 22 e poi, una volta uscito dal locale, far ritorno a casa senza alcun rischio di ricevere sanzioni", ha aggiunto.

 

Da domani, quindi, 14 tra regioni e province autonome tornano in zona gialla, anche se - come detto - resta il coprifuoco dalle 22 alle 5 e alcune attività non saranno comunque possibili, a partire da prendere il caffè al bar al bancone, se non all'aperto (modalità decisamente poco applicabile per la maggior parte degli esercizi). Al tempo stesso riprendono gli spostamenti tra regioni dello stesso colore senza alcun limite, mentre per quelle tra colori diversi servirà il pass vaccinale.