Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piazzapulita, Borghi (Lega) attacca Crisanti: "Non sei un esperto". Scontro in diretta

  • a
  • a
  • a

Scontro in diretta tra il parlamentare della Lega Claudio Borghi e il virologo Andrea Crisanti durante la puntata di Piazzapulita in onda su La 7 giovedì 22 aprile. A scaldare l'ambiente ci aveva pensato il professore che in apertura aveva attaccato ancora una volta sulle riaperture: "Non ci sono i numeri, chi le ha decise dovrà prendersi la responsabilità di queste scelte".

 

 

A seguire è stato il turno di Borghi al quale non devono essere piaciute le parole di Crisanti. "Il decreto riaperture è nostro, lo abbiamo voluto noi per primi", ha detto. Allora Formigli ha chiesto il perché la Lega non ha votato il testo definitivo: "Purtroppo abbiamo scoperto che oltre alle riaperture c'erano anche delle chiusure o c'erano delle cose che non andavano bene". Allora Borghi è tornato all'apertura del programma quando il professor Andrea Crisanti ha criticato i provvedimenti sulle riaperture. "Con tutto il rispetto di Crisanti devo andare a sentire chi sono i massimi esperti di epidemiologia, vedo che cosa scrivono e poi prendo delle decisioni. Crisanti è un esperto di genetica della zanzara, fa degli studi perfetti, ma non è un esperto di queste cose e io con tutta la simpatia per Crisanti sono andato a leggermi degli studi dei massimi esperti al mondo". Cita degli studi che criticano l'uso del lockodwn che giudicano inefficaci le chiusure. "Abbiamo solo la vcertezza del danno economico", ha chiuso Borghi.

 

 

La replica di Crisanti è immediata: "Non voglio commentare la nullità di quanto è stato detto. Sono contento della mia esperienza come esperto di malaria perché a differenza di lei che è stato in parlamento ho visto cos'è un'epidemia, ho visto come si combatte un'epidemia, so quali sono i fattori genetici e ambientali che contribuiscono a diffondere la malattia. Alcuni esponenti del suo partito avevano detto che il virus era diventato buono, la realtà sta davanti agli occhi di tutti".