Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Galli contro Bassetti, lo scontro continua a L'aria che Tira: "Non sono il nano di nessuno"

  • a
  • a
  • a

"Non sono il nano di nessuno". Le parole sono state pronunciate questa mattina, giovedì 22 aprile, dal professor Ernesto Galli durante un collegamento con la trasmissione de La 7 L'aria che tira e sono state una sorta di  risposta a distanza con il professor Matteo Bassetti con il quale da giorni si sta scontrando in tv. Il primario al San Martino di Genova e il direttore di reparto al Sacco di Milano si sono punzecchiati a più riprese.

Tutto è iniziato il giorno in cui Galli ha commentato negativamente l'operato dell'attuale premier Mario Draghi e la sua gestione delle riaperture nel nostro Paese: "Draghi non ne ha azzeccata una", aveva detto a Il Fatto Quotidiano.  "Chi come me passa la propria vita a lavorare insieme alla propria regione forse ha una maggiore idea rispetto a chi invece lavora contro la propria regione", aveva subito attaccato Bassetti.

 

La replica di Galli a L'Aria che Tira non si è fatta attendere. "Che interessi potrei avere di lavorare per me? Sono un anziano professore che è prossimo alla pensione. Ai tempi della Prima Repubblica si parlava dei nani e delle ballerine che lavoravano a favore di questo o quel politico. Io non ne ho bisogno. Non sono il nano, né la ballerina di nessuno". Qualche giorno fa ad Agorà Galli aveva spiegato che le riaperture sono "un segnale che viene percepito come liberi tutti e si sappia che certe soluzioni vogliono dire un sacco di morti in più”. Il professore commenta così le misure varate dal governo, con riaperture e via libera agli spostamenti come prevede il decreto varato dal governo. “Il mio dovere non è parlare del mio stipendio o di quello degli altri. Ammetto assolutamente il disagio di chi non prende lo stipendio, ma io non posso non dire che in certe situazioni avremo reparti e rianimazioni piene. Io questo devo dire, io devo descrivere il problema”, ha aggiunto.