Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fuori dal coro, dall'emergenza case ai bambini scomparsi

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, 20 aprile, Rete 4 propone, come tutti i martedì, il programma Fuori dal  coro, condotto da Mario Giordano, inizio alle ore 21.25. Puntata che si annuncia particolarmente intensa e in cui ampio spazio sarà dedicato all’occupazione abusiva di case private. Inoltre verranno forniti nuovi dettagli sulle aggressioni ai giornalisti da parte di chi quelle case le ha occupate, come è avvenuto la scorsa settimana. Casi ormai da tutta Italia. Ovviamente non sarà l'unico argomento della puntata. 

Una pagina sarà dedicata all’analisi della comunicazione della pandemia da Covid e, nell’ultimo periodo, dei vaccini: a causa dei messaggi considerati spesso contraddittori e della presenza di molte voci non unanimi la popolazione, secondo Fuori dal coro, si è trovata confusa, senza sapere di chi potersi realmente fidare. E ancora, con testimonianze e racconti, un focus sulla situazione economica e sociale attuale: con la reintroduzione dal 26 aprile delle zone gialle e la possibilità di riaprire i ristoranti all’aperto sia a pranzo che a cena e di riprendere le attività dei musei, dei teatri e dei cinema all’esterno, alcune categorie gravemente penalizzate potranno ricominciare parzialmente a lavorare. Sarà un primo passo verso un ritorno alla normalità oppure si rivelerà una soluzione difficile da attuare? Si sta facendo abbastanza sul fronte della programmazione del turismo per salvare l’estate?

Ma la trasmissione affronterà anche la piaga dei bambini scomparsi. Nel coro del 2020 sono stati denunciati 7.672 casi di minori scomparsi. La maggior parte non sono tornati con le loro famiglie che li continuano a cercare a distanza di quarant'anni, come ad esempio i casi di Sergio Isidori e Mauro Romano. Una vera e propria piaga dal punto di vista sociale. Per tante storie, infatti, non si riesce a scrivere la parola fine e restano dubbi e misteri. Tra gli ospiti di questa sera ci saranno Francesco Facchinetti e Vittorio Feltri