Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, spostamenti tra regioni. Dal 26 aprile arriva l'autocertificazione in attesa del pass

  • a
  • a
  • a

Dal 26 aprile per spostarsi tra regioni in arancione o rosso basterà un'autocertificazione. E' la misura transitoria pensata dal governo in attesa dell'arrivo del pass. Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera il decreto in vigore autorizzerà la circolazione tra i vari territori con un'autocertificazione. Bisognerà allegare un modulo che attesta di essersi sottoposti al vaccino o di aver effettuato un tampone nelle ultime 48 ore oppure di essere guariti dal Covid-19. In attesa del parere del Cts sulle riaperture annunciate da Draghi il governo sta limando gli ultimi dettagli dei nuovi provvedimenti. Alcuni governatori e Italia Viva premono, per esempio, per far slittare il coprifuoco alle 23 e per far anticipare la riapertura dei ristoranti al chiuso al 15 maggio, almeno per il pranzo. Le richieste saranno sul tavolo oggi durante il confronto tra Governo e Regioni. Non è escluso che venga prevista una norma che preveda modifiche al calendario delle riaperture se migliorerà la situazione della diffusione del virus.

 

Dal 26 aprile gli spostamenti tra regioni gialle saranno liberi, per uscire da quelle arancioni o rosse bisognerà invece avere motivi di lavoro, di salute o di urgenza. C’è però un’eccezione: le persone che hanno già ricevuto la doppia dose di vaccino o un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti o la certificazione di essere guarite dal Covid-19 potranno farlo anche per motivi di turismo.

 

La misura dell'autocertificazione è tuttavia momentanea. L'idea del governo è quello di munire gli italiani di una tesserina magnetica che tuttavia non arriverà in tempi brevi. Proprio oggi il Cts analizzerà i protocolli relativi alle attività sportive. I gestori delle palestre premono per essere equiparati alle piscine e chiedono di poter riaprire le strutture, sia pure con protocolli severi e con lezioni individuali. Vista la riapertura dello sport all'aperto, compreso il calcetto, chiedono di essere equiparati.