Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riaperture, la conferenza stampa del premier Mario Draghi | Diretta video

  • a
  • a
  • a

Il premier Mario Draghi parla alla nazione per illustre le misure sulle prime riaperture previste per fine mese. A Palazzo Chigi è iniziata la conferenza stampa del premier. "I provvedimenti di questa mattina danno priorità alla riapertura in zona gialla dal 26 aprile delle attività di ristorazione all'aperto e delle scuole in zona arancione e gialla". "Il governo ha preso un rischio ragionato che si fonda su una premessa, cioè che bisogna monitorare la situazione costantemente. La campagna di vaccinazione va bene, con tante sorprese positive e qualcuna negativa e questo è stato fondamentale per prendere le decisioni", ha aggiunto Draghi.

 

 

Conferenza stampa del Presidente Draghi

In diretta la conferenza stampa del Presidente Draghi con il Ministro della Salute Roberto Speranza

Pubblicato da Palazzo Chigi - Presidenza del Consiglio dei Ministri su Venerdì 16 aprile 2021

 

 "Questo rischio che incontra le aspettative dei cittadini si fonda su una premessa: che i comportamenti siano osservati scrupolosamente, come mascherine e distanziamenti, nelle realtà riaperte". ha proseguito il presidente del Consiglio che ha parlato poi delle misure economiche che si basano su "una semplificazione delle procedure". Novità anche per gli spostamenti tra regioni: "Gli spostamenti saranno consentiti tra regioni gialle e con un pass tra regioni di colori diversi", ha spiegato il premier. "Il principio che utilizzeremo in questa fase caratterizzata dalla gradualità si basa su dato: nei luoghi all'aperto riscontriamo una difficoltà significativa nella diffusione del contagio".  ha detto il ministro alla Salute Roberto Speranza aggiungendo "Applicheremo questo principio nell'ambito della ristorazione e non. Auspico che il quadro epidemiologico migliorerà per programmare ulteriori aperture per le attività che non si svolgono all'aperto". Speranza ha incassato ancora una volta la fiducia del premier: "Le polemiche nei suoi confronti non hanno fondamento". Il ministro della salute ha illustrato anche una bozza di calendario per le riaperture: dopo il 26 aprile ci sarà il 15 maggio con la riapertura delle piscine all'aperto, il 1 giugno le palestre e il 1 luglio l'attività fieristica.

 

 

Draghi ha parlato anche dei ristori: "E' una scommessa sul debito buono, noi stiamo facendo, abbiamo fatto e faremo debito, il punto è che deve essere investito bene. Sul decreto Sostegni approvato l'altra settimana, volevo mettere in risalto due cose. Innanzitutto la rapidità dei pagamenti: dal 30 marzo ad oggi sono stati pagati 2 miliardi nella prima settimana e 1 miliardo nella seconda, ma i pagamenti non sono ancora terminati L'altra questione è se si potessero introdurre cambiamenti con cui fondi allocati - aggiunge -. Il criterio adottato nel primo decreto è quello del fatturato, questo ha suscitato perplessità in tanti, allora il Mef sta pensando ad aggiungere anche un criterio che riguarda l'utile, l'imponibile fiscale in altre parole, in modo da individuare i soggetti che sono stati più colpiti dalla pandemia".