Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riaperture, dal 26 aprile ristoranti all'aperto anche la sera

  • a
  • a
  • a

Da lunedì 26 aprile i ristoranti che forniscono servizio al tavolo all'esterno potranno restare aperti anche la sera. E' quanto si apprende da fonti di maggioranza al termine della riunione della cabina di regia che si è svolta nella mattinata di venerdì 16 aprile. Dalle indiscrezioni che filtrano si potrà ripartire anche con le attività all'aperto. Sono queste le conclusioni alle quali è arrivata la cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi che alle 15 del 16 aprile parlerà in conferenza stampa illustrando la road map delle riaperture.
Le nuove regole saranno valide solo nelle regioni dove la diffusione del virus è stata contenuta e dunque quelle in zona gialla. Le riaperture potranno riguardare sia il pranzo, sia la cena ma soltanto nei locali che hanno spazi all’aperto.

 


Si tratta insomma di una zona gialla rafforzata secondo quanto previsto dal decreto in vigore dal 7 ale 30 aprile che prevedeva un allentamento delle misure "in ragione dell’andamento dell’epidemia, nonché dello stato di attuazione del Piano strategico nazionale dei vaccini, con particolare riferimento alle persone anziane e alle persone fragili, con deliberazione del Consiglio dei ministri, sono possibili determinazioni in deroga al primo periodo e possono essere modificate le misure stabilite". Per quanto riguarda il coprifuoco al momento non sono annunciate modifiche. rimane alle 22. L’indicazione degli scienziati riguarda le attività all’aperto che - questo è il parere consegnato al governo - non dovrebbero incidere sulla risalita dei contagi.

 

 

Insomma sembra essere passata la linea di provare a far partire le riaperture abbandonando in maniera graduale quella linea del vigore che sta creando sempre più tensioni a livello sociale. Per capire come saranno decise le classificazioni dei vari territori bisognerà attendere le parole del premier Draghi che, nei giorni scorsi aveva annunciato comunque che eventuali riaperture dovevano essere legate all'andamento del virus e all'avanzamento della campagna di vaccinazione nelle varie regioni.