Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Enrico Letta a Piazzapulita: "A Roma si faranno le primarie, spero sfida Calenda-Zingaretti"

  • a
  • a
  • a

Enrico Letta, ospite di Corrado Formigli a Piazzapulita su La7, ha confermato le primarie del Pd per la scelta del candidato sindaco di Roma. Aprendo anche alla partecipazione del leader di Azione, Carlo Calenda, e lasciando intendere che potrebbe esserci una sfida tra quest'ultimo e il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti.

 

"Non sono io che decido i candidati sindaci. Io penso che le primarie siano importanti perché sceglie la gente. Su Roma faremo le primarie, e io vorrei che avvenissero in presenza fisica, quindi credo nel mese di giugno, quando spero sarà possibile. Ai primi di maggio ci sarà la presentazione delle candidature. Avremo poi una candidata o un candidato del Pd che correrà per vincere e diventare sindaco di Roma", ha detto. Letta, nella lunga intervista che si è protratta per buona parte della puntata, ha parlato anche dell'ex premier Giuseppe Conte: "Nella caduta del Governo Conte io ho rivisto qualcosa che avevo conosciuto, perchè Conte è caduto per mano di Matteo Renzi", ha detto. Aggiungendo poi che "sono molto contento»del rapporto con Giuseppe Conte, tra persone che vogliono un obiettivo comune e non ci faremo sgambetti a vicenda. Proveremo a venirci incontro, in una coalizione così bisogna fare", ha spiegato.

 

Non poteva mancare un passaggio anche su Matteo Salvini, con cui Letta ha detto che "il rapporto va meglio del previsto", con un filo di ironia. In giornata c'era stato un botta e risposta tra i due, con Letta che ha incontrato il fondatore della ong Open Arms e Salvini che ha twittato: "Sabato vado a processo proprio per uno (degli innumerevoli) sbarchi organizzati dagli spagnoli di Open Arms, e oggi il Pd riceve questi ’signorì con tutti gli onori. Non ho parole, lascio a voi ogni commento, il tempo è galantuomo".