Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Lega: "Sì a commissione di inchiesta su piano pandemico, ritardi ed errori"

  • a
  • a
  • a

Covid, la Lega si è detta a favore di una "commissione d’inchiesta sul piano pandemico, su ritardi ed errori". A confermarlo fonti ufficiali del Carroccio che invece, in vista di una mozione di sfiducia nei confronti del ministro della salute, Roberto Speranza, la risposta è stata lapidaria: "La vogliamo leggere".

 

Proprio su questo aspetto è intervenuto il senatore Gianluigi Paragone, eletto nelle fila del M5S, poi uscito per fondare il partito Italexit. "Presenterò in Senato una mozione di sfiducia individuale, che sarà firmata anche da Fratelli d’Italia e da L’Alternativa C’è, nei confronti del ministro Speranza", spiega l'ex direttore de La Padania. "Come emerge dalle intercettazioni della Procura di Bergamo, i collaboratori del ministro hanno nascosto il rapporto degli studiosi dell’Oms di Venezia in cui la gestione della pandemia in Italia veniva definita improvvisata e caotica per la mancanza di un piano pandemico aggiornato. Mancanza della quale il Ministro Speranza era a conoscenza, come riferito dal Procuratore aggiunto di Bergamo Maria Cristina Rota. Inoltre, non è credibile che Speranza non fosse informato riguardo alle pressioni in atto per la rimozione del rapporto del gruppo di Venezia: è perciò inammissibile che continui a ricoprire la sua carica", conclude Paragone.

 

Sul tema in giornata è intervenuta anche la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. "Fratelli d’Italia denuncia da tempo l’incompetenza e l’inadeguatezza di Roberto Speranza nel ricoprire l’importante e delicato incarico di Ministro della Salute, soprattutto in questo momento storico: dalla gestione fallimentare e disastrosa della pandemia alle imprese stremate a causa delle chiusure insensate e continue. FdI presenterà una mozione di sfiducia nei suoi confronti e vediamo chi si assumerà la responsabilità di tenerlo ancora al suo posto. Non è più tempo di Speranza, ma di coraggio", ha scritto sulla sua pagina facebook l'ex ministro della gioventù.