Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nuovo decreto ristori: indennizzi a fondo perduto per le imprese e tasse sospese. Le anticipazioni di Durigon

  • a
  • a
  • a

Governo al lavoro sul nuovo decreto ristori, da alcuni chiamato anche sostegni bis. Alcune anticipazioni arrivano dal sottosegretario al ministero dell'economia, il leghista Claudio Durigon, ospite questa mattina di Radio Anch'io. "Una parte sarà dedicata agli indennizzi, un’altra parte all’annullamento e sospensione di alcune tasse. Il decreto sarà pronto a fine aprile".

 

Sui ristori per gli esercizi commerciali, "una parte sarà un indennizzo a fondo perduto, una parte sarà legata ai costi aziendali", ha spiegato. Per poi aggiungere: "Ci sarà una doppia visione di come devono essere ristorati e indennizzati i commercianti e le partite iva", aggiunge il sottosegretario, che si sofferma anche sulle riaperture: "Non sono convinto che il meccanismo della lotta di categoria possa portare agevolazioni a questo sistema economico. Penso che dobbiamo portare avanti una politica che possa dare risposte. E le riaperture sono il principale momento in cui si riparte con l’economia. Poi sul nuovo scostamento che dovrà essere approvato dalle due Camere del Parlamento: "Siamo ancora intorno ai 40 miliardi di euro di scostamento di bilancio. Quindi un buon scostamento".

 

Sul tema delle riaperture questa mattina è intervenuto anche il ministro per gli affari regionali, Maria Stella Gelmini, che ha parlato di un "cronoprogramma da definire già entro questa settimana" da parte del governo. Lo stesso vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ospite di Mattino Cinque, ha parlato di possibili riaperture "già dal 20 aprile", così da far ripartire l'economia. L'ala di centrodestra del governo, quindi, spinge l'esecutivo verso la ripresa delle filiere produttive e delle attività economiche, tanto che ieri lo stesso leader della Lega, Matteo Salvini, aveva lanciato l'idea del 2 giugno quale giornata delle riaperture, prevedendo un "boom economico" in occasione dell'estate. Non resta quindi che attendere la prossima rilevazione dei dati sull'andamento del contagio da parte dell'Iss, attesi per venerdì, per avere un quadro più chiaro sull'evoluzione della pandemia.