Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccini, Tajani: "C'è una guerra commerciale, se J&J non va bene, puntiamo su Sputnik" | Video

  • a
  • a
  • a

Vaccini, Antonio Tajani parla apertamente di una "guerra commerciale" sui sieri anti Covid e apre allo Sputnik qualora J&J si rivelasse inadeguato. Ospite di Mattino Cinque di oggi (di seguito un estratto video del suo intervento, tratto dall'account Twitter della trasmissione), il vice presidente di Forza Italia ha dichiarato, riferendosi allo stop sul vaccino Johnson and Johnson: "Mi auguro si possa risolvere il problema, la campagna andrà avanti, si tratta di 180mila dosi, ci sono altri vaccini. Non vorrei che ci fossero dietro delle guerre commerciali. AstraZeneca è il vaccino che costa meno di tutti, c’è stata una campagna contro, c’è una guerra di prezzi. Il governo Conte non ha voluto investire 20 milioni per essere parte del brevetto del vaccino AstraZeneca, questo avrebbe aiutato il nostro Paese a produrlo e avere autonomia", ha aggiunto.

 

"Se Johnson & Johnson non dovesse andare bene puntiamo su Sputnik, si sta facendo qualche sperimentazione. Appena l’Ema darà l’autorizzazione si può puntare sul vaccino russo, è importante vaccinare il maggior numero di persone, non il vaccino", ha concluso Tajani. Riguardo invece al futuro del ministro della salute, Roberto Speranza, ha precisato: "Non è il momento per dimissioni o cambiamenti. Il precedente governo ha commesso delle mancanze ma noi di Forza Italia non siamo mai stati per le dimissioni e abbiamo massima fiducia nel presidente del Consiglio Draghi e nel generale Figliulo", ha aggiunto.

 

Infine Tajani ha sollecitato uno sprint sulle riaperture: "Si può riaprire con prenotazioni all’aperto in zona gialla, a partire dal 20 aprile. Penso alle piscine o alle arene, riaprire tutto ciò che si può fare all’aperto. Cominciamo così. Lo Stato garantisca che le riaperture siano controllate. Riaprire si può con gradualità e intelligenza nelle zone dove non c’è un alto indice di contagio", ha concluso l'ex presidente del parlamento europeo.