Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Gelmini: "In settimana definiremo il cronoprogramma delle riaperture"

  • a
  • a
  • a

Covid, il ministro per gli affari regionali, Maria Stella Gelmini, accelera sul fronte delle tanto attese riaperture e sull'allentamento delle misure restrittive, annunciando alcune anticipazioni e novità già per questa settimana.

 

"Credo che già questa settimana definiremo il cronoprogramma per le riaperture. Perché dobbiamo procedere. Con cautela, per evitare di commettere errori e dover richiudere, ma man mano che il tasso di contagi diminuisce e le vaccinazioni coprono i più fragili dobbiamo riaprire. A breve il Cts inserirà proprio il dato sulle vaccinazioni tra i criteri di valutazione per il passaggio delle regioni da un colore all’altro". Il ministro, in un’intervista a Repubblica, mostra un cauto ottimismo, ma boccia le isole Covid free: "Lo sarà l’intera penisola, ci sono tutte le condizioni per liberare il Paese da questa morsa". Gelmini sottolinea inoltre che lo stop al vaccino J&J "non è determinante nel breve e medio periodo. Diciamo che è un problema soprattutto per gli Stati Uniti. Noi ci affideremo anche in questo caso alle valutazioni di Ema e Aifa. Ma ho sentito il generale Figliuolo e sembra che i casi problematici siano ancor meno significativi rispetto a quelli che hanno bloccato per poco AstraZeneca. Ci atterremo alle indicazioni, ma il piano vaccinale va sicuramente avanti. Nell’immediato concentriamoci sui 4,2 milioni di dosi in arrivo tra il 15 e il 22 aprile: saranno consegnate alle regioni 3 milioni di fiale Pfitzer, 500 mila di Astra, 400 mila Moderna e solo 180 mila di Johnson&Johnson. Ecco perché il momentaneo stop, se dovesse esserci, pesa relativamente nell’immediato".

 

Per quanto riguarda le Regioni, la Gelmini dichiara che "stanno seguendo le indicazioni del governo. C’è una collaborazione proficua tra le amministrazioni e il commissario Figliuolo. Dieci giorni fa avevamo il problema della copertura del fabbisogno per gli over 80. Adesso è un problema sostanzialmente risolto. Deve essere chiaro che nessuno si salva da solo. Lo sa anche il governatore De Luca, che si è impegnato ad adeguarsi alle priorità fissate dal governo, per altro su richiesta delle regioni. L’obiettivo è accelerare, coprire entro giugno tutti gli over 70 e le categorie più fragili per avere non isole, ma l’intera Penisola Covid free. Solo così l’Italia intera potrà riaprire, nel rispetto delle regole".