Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ristoranti aperti di sera, proposta delle regioni al governo

  • a
  • a
  • a

Anche di sera ristoranti aperti, ma solo potendo utilizzare i tavoli all'esterno del locale. Secondo l'agenzia AdnKronos è una delle ipotesi su cui stanno lavorando le regioni e che verrà portata all'attenzione del governo nella giornata di giovedì 15 aprile, nel corso della conferenza Stato-Regioni, se compatibile con la situazione epidemiologica. Intanto la protesta dei ristoratori diventa sempre più forte. Nella giornata di oggi, martedì 13 aprile, un gruppo sotto la sigla "Tutela nazionale imprese" ha bloccato il traffico invadendo la carreggiata dell'autostrada A1, corsia in direzione nord, all'altezza di Orte, in provincia di Viterbo. Come riportano le agenzie, i manifestanti chiedono di poter riaprire le proprie attività e contestano le limitazioni anti Covid. I manifestanti hanno camminato tra le auto ferme e in coda a causa del sit-in improvvisato urlando slogan "Libertà contro la dittatura". 

Alcune centinaia, invece, sono i commercianti che hanno partecipato a Roma al sit in al Circo Massimo "Una volta, per tutti". La protesta è stata organizzata da diverse associazioni: Roma più bella, Ihn (Italian hospitality network), Tni Italia (Tutela nazionale imprese) e Lupe Roma. I primi ad arrivare sul posto sono stati i ristoratori della Maremma che hanno appeso ad un filo mutande rotte, arancioni e gialle. Accanto la scritta "l'Italia a colori ci ha lasciato in mutande ma ora basta". Alla manifestazione cittadini che sono arrivati da Enna, Piombino, Crema e numerose altre città. Presenti inoltre i rappresentanti delle lavanderie industriali e degli chef. Questi ultimi hanno indossato il tradizionale cappello da cuoco. 

Alla protesta ha preso parte anche il movimento degli artisti italiani arrivato dalla Toscana: "lavoro, lavoro" e "riapertura, riapertura" gli slogan che sono stati ripetuti di contino. Al Circo Massimo non sono mancati momenti di tensione quando un gruppo di manifestanti ha lasciato il presidio per cercare di andare in corteo verso Palazzo Chigi. La polizia lo ha impedito. Una delegazione ha avuto la promessa di essere ricevuta, come è stato detto dagli organizzatori dal palco. I commercianti hanno manifestato in piazza in 21 città italiane.