Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'Arena, la rabbia di commercianti e ristoratori: "Politici incapaci, fanno chiudere e morire". Furiosa lite tra Morani e Ghisolfi

  • a
  • a
  • a

"Questi politici non sono capaci di gestire. Noi siamo in ginocchio, ci siamo indebitati e siamo pronti ad andare ancora in piazza per protestare e comunque siamo pronti ad aprire". Sono sul piede di guerra i ristoratori e i commercianti e lo hanno confermato per l'ennesima volta durante la puntata di Non è l'Arena. Nel talk di La7, Massimo Giletti ha dato la voce agli operatori commerciali che si sono scagliati contro la classe politica. Hanno ribadito che i governi non si sono resi conto della gravità della situazione e non hanno compreso in che condizioni sono ristoratori, baristi e commercianti. E ci sono piccoli imprenditori che hanno dichiarato di aver ceduto addirittura l'oro di famiglia per cercare di combattere la fame. Per non parlare delle bollette che continuano ad arrivare (clicca qui per gli attacchi di commercianti e ristoratori alla politica)

 

 

"La strategia del governo è stata tutta sbagliata - ha dichiarato il dirigente bancario Giuseppe Ghisolfi - Ha dato agli operatori commerciali soltanto gli spicci. E gli esecutivi non hanno capito che con la chiusura di una attività ci rimette anche lo Stato". Ghisolfi ha spiegato le difficoltà che hanno le Banche nel prestare soldi: "Non sono opere pie, sono imprese e possono concedere il denaro solo a chi poi è in grado di restituirlo, altrimenti falliscono". Pesante litigio con la parlamentare Alessia Morani che lo attacca: "Ma come, mette sotto accusa il governo e difende le banche?".

 

 

Si urlano uno contro l'altro, poi Ghisolfi perde la pazienza: "Lei ha parlato venti minuti senza sapere cosa dice. Forse non si rende conto della differenza tra uno Stato e una banca, le banche sono aziende". Un battibecco furioso al punto che Massimo Giletti manda in onda la pubblicità per cercare di calmare le acque. Morani era stata già attaccata duramente dai ristoratori: "Non possiamo più attendere, avete chiuso per mesi e ci sono 500 morti al giorno" (clicca qui per vedere le critiche dei ristoratori al governo).