Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Domenica In, Rita Dalla Chiesa: "Mi vaccino, ma non con Astrazeneca"

  • a
  • a
  • a

"Farò il vaccino contro il Covid, ma vista tutta la confusione che c'è stata fino ad ora, non mi fido di Astrazeneca". Lo ha dichiarato Rita Dalla Chiesa durante la puntata di oggi, domenica 11 aprile, di Domenica In, ovviamente condotta su Rai 1 come al solito da Mara Venier. Dalla Chiesa si è detta insicura rispetto al cambiamento delle fasce dell'età dei cittadini da vaccinare che è stato annunciato negli ultimi giorni. Ha prenotato la vaccinazione, ma non utilizzerà il farmaco Astrazeneca.

E' stato il sottosegretario Pierpaolo Sileri a fare il punto, sottolineare l'aumento della velocizzazione della campagna vaccinale nell'ultima settimana, poi a spiegare la situazione in Italia e gli aspetti che sono legati ai vaccini. Poi è intervenuto anche Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, che ha dichiarato di comprendere le paure di Rita Dalla Chiesa e quelle di tutti i cittadini, timori che vanno compresi. Ma ha aggiunto anche che a suo avviso l'Italia sta pagando la comunicazione di massa, spesso non qualificata: "A mio avviso - ha spiegato - occorre confrontarsi e chiedere consiglio al proprio medico". Quindi non fidarsi unicamente da quello che si legge, in particolare sul web.

Poi sull'argomento sono intervenuti anche i professori Luca Richeldi e Matteo Bassetti ed è stato commentato quanto accaduto nel Regno Unito dove il governo ha deciso di spingere molto sulla somministrazione della prima dose del vaccino, rinviando ad un secondo momento l'inoculazione numero due. Secondo Bassetti l'Italia può scegliere una strada che sia una via di mezzo, pensando soprattutto ai soggetti più deboli. Mara Venier ha mandato di nuovo in onda le dichiarazioni degli ultimi giorni del premier Mario Draghi che ha duramente attaccato i furbetti e chi non risponde alla propria coscienza, facendosi vaccinare anche se non è anziano e toglie la possibilità a chi corre un rischio di ammalarsi notevolmente più alto.