Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

AstraZeneca, parla il premier Mario Draghi. La conferenza sul vaccino

  • a
  • a
  • a

Mario Draghi parlerà agli italiani sul caso AstraZeneca. Dopo le dichiarazioni dell'agenzia europea del farmaco (Ema) e la circolare del ministero della Salute ha deciso di dare dei chiarimenti in maniera diretta. Infatti le ultime vicende legate al siero anglo-svedese hanno creato ancora più confusione tra le persone e, visto che nel pacchetto di vaccini in arrivo in Italia nelle prossime settimane AstraZeneca pesa in maniera decisiva, è a rischio anche la riuscita della campagna vaccinale.  Il presidente del Consiglio oggi pomeriggio alle ore 18 terrà una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

 

Le indicazioni, cambiate più volte nelle scorse settimane, sul vaccino AstraZeneca stanno disorientando gli italiani. L'Ama ha provato a rassicurare. Senza riuscirci. Ieri sera è diventata ufficiale l'ultima raccomandazione legata all'utilizzo del siero. "Con il ministro abbiamo deciso di stabilire la raccomandazione per l'uso preferenziale di Astrazeneca nei soggetti oltre i 60 anni di età", ha detto nella serata di mercoledì 8 aprile il direttore del consiglio superiore di sanità Franco Locatelli. L'Ema ha sottolineato che le forme di trombosi osservate nei mesi scorsi sono "effetti collaterali molto rari" ripetendo che ""i benefici del vaccino superano i rischi" perché è "altamente efficace ed evita il ricovero". Come dimostrano anche i dati della vaccinazione nel Regno Unito dove AstraZeneca è stato utilizzato in maniera massiccia.

 

 

 

Per questo dopo giorni di incertezze e voci che stanno creando scompiglio tra i tanti italiani che devono ricevere la dose AstraZeneca il premier ha deciso di parlare direttamente al Paese. In gioco c'è la riuscita della campagna di immunizzazione degli italiani. Poi ci sono anche diversi insegnanti e uomini in divisa che avendo fatto la prima dose ora attendono il richiamo. Insomma la gestione delle comunicazioni rispetto alle problematiche del vaccino può causare seri danni all'Italia. Per questo Draghi ha deciso di parlare.