Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Atlantide, stasera Raul Gardini, il corsaro: una storia dimenticata

  • a
  • a
  • a

Raul Gardini, il corsaro: una storia dimenticata. E' il titolo della puntata di questa sera di Altantide, storie di uomini e di mondi, il programma di La7 delle 21.15 condotto dal giornalista Andrea Purgatori. Dopo l'approfondimento sul giallo del Mostro di Firenze, Purgatori punta i riflettori su quello che è stato il protagonista di una storia di immensi successi ma anche di ombre. L'imprenditore si tolse la vita nel 1993, un suicidio che sotto alcuni aspetti non è stato mai chiarito. Gardini era uno dei simboli della crescita del nostro Paese, considerato uno dei quattro protagonisti principali del successo economico e industriale di un'Italia che si stava svegliando.

Gli altri tre erano l'avvocato Gianni Agnelli, l'ingegnere Carlo De Benedetti e il cavaliere Silvio Berlusconi. Era proprio soprannominato il Corsaro per le sue capacità e la sua potenza imprenditoriale ma fu coinvolto nella bufera giudiziaria di Tangentopoli e il 23 luglio del 1993 si tolse la vita nella sua abitazione di Milano. Quella mattina era atteso dai pm Antonio Di Pietro e Francesco Greco che volevano ascoltarlo sulla maxi tangente Enimot. Il programma di Purgatori ricostruirà la vita e la carriera di Gardini, un uomo che grazie alla chimica era deciso a conquistare il mondo e che sicuramente ne aveva le capacità. Ricco, potente, invidiato, amante delle sfide e punto di riferimento di una scommessa sportiva di altissimo livello, quella del Moro di Venezia.

Purgatori racconterà i successi e la fine di Gardini e mostrerà alcuni filmati d'epoca, commentati in studio dai suoi invitati. E' annunciata la presenza di Paul Cayard, lo skipper del Moro di Venezia che disputò la finale della Coppa America. Ma ci saranno anche Marco Fortis, direttore della Fondazione Edison, che insieme a Gardini condivise gli anni fantastici della conquista del settore chimico in Italia e nel mondo. In studio inoltre anche Piercamillo Davigo, magistrato ora in pensione, che con Di Pietro, Colombo e Greco dette vita al pool di Mani Pulite. In seconda serata un documentario dedicato proprio a Tangentopoli e alla bufera giudiziaria che causò la caduta della Prima Repubblica