Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini: "Speranza e Orlando non tengano gli italiani sotto sequestro"

  • a
  • a
  • a

Il leader della Lega, Matteo Salvini, a ’Dritto e rovescio' su Rete4 giovedì 1 aprile ha affermato che c'è una "posizione ideologica che vede solo rosso, non si riapre per tutto aprile. E c’è la posizione della Lega che, laddove la situazione è sotto controllo, dopo Pasqua si può, anzi si deve riaprire. Mi domando perché milioni di italiani debbano essere tenuti sotto sequestro da Speranza e Orlando".

 

 

"Ci metteremo l’anima perché, laddove i contagi lo permettano, si possa riaprire. È chiaro che se c’è una zona con gli ospedali pieni ti devi dedicare alla cura, ci sono poi regioni come la Sardegna, la Sicilia e la Liguria in cui si deve tornare a vivere. C’è il ministro Speranza che per motivi suoi, sostenuto da una buona parte del Pd e del M5S, non ne vuole sentire. La Lega è nel governo per far sentire la voce di chi vuole tornare a lavorare". "Ci rivediamo la settimana dopo Pasqua. Io credo che il presidente di Draghi sia in linea con chi crede nella scienza. Se i dati dicono rosso è rosso. Se i dati dicono che è giallo e bianco, è giallo è bianco", ha sottolineato Salvini. 

 

 

"Dopo Pasqua vedrò Draghi e sono certo che se dati scientifici dicono che si può aprire, si potrà aprire»", ha ancora detto Matteo Salvini nel corso del programma.

"Ad aprile ci sarà il decreto per il sostegno tutto l’anno. Noi lavoriamo su affitti, mutui, blocco delle licenze per tutelare il commercio", ha sottolineato Salvini.

"Un appello per chi avrà la possibilità di fare le vacanze in estate: stiamo in Italia. Dopo il Covid, quantomeno, riscopriamo l’orgoglio del nostro Paese. Ci sono tantissime bellezze nel nostro Paese, non c’è bisogno di andare a migliaia di chilometri di distanza, in Spagna o in Grecia", ha affermato Salvini.