Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Concorsi pubblici, sblocco per 110 mila posti. Le nuove procedure di selezione del decreto Covid volute da Brunetta

  • a
  • a
  • a

Concorsi pubblici, arriva lo sblocco per 110 mila posti. Il decreto Covid prevede infatti lo sblocco delle selezioni e introduce procedure concorsuali semplificate. Tra le principali novità si prevede una prova scritta e una prova orale nei soli concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale.

 

Sono esclusi dalle procedure semplificate i concorsi per alcune categorie tra cui magistrati ordinari, amministrativi e contabili, avvocati e procuratori dello Stato, professori universitari, appartenenti al comparto sicurezza e difesa, personale della carriera diplomatica e prefettizia. Per consentire lo svolgimento delle prove in sicurezza si prevede l’obbligo per i candidati di produrre la certificazione di un test antigenico anche negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. Inoltre la durata massima della prova limitata a un’ora;svolgimento delle prove in sedi decentrate a carattere regionale. Entusiasta il ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, che ha commentato: "Diamo finalmente speranza a centinaia di migliaia di persone e permettiamo alla pubblica amministrazione di rigenerarsi dopo anni di blocco del turnover e di depauperamento. Un risultato possibile grazie al proficuo confronto con il Comitato tecnico-scientifico che ha permesso di rivedere e aggiornare il Protocollo per lo svolgimento dei concorsi pubblici. Adesso si apre una fase nuova: per accompagnarla nasce al Formez un presidio di assistenza dedicato alle amministrazioni". 

 

Il decreto legge approvato dal Cdm dispone inoltre "che le amministrazioni, a regime e dunque in via strutturale, prevedano nei bandi post-emergenza procedure concorsuali semplificate, ricorrendo agli strumenti digitali per lo svolgimento delle prove. Sarà introdotta una fase di valutazione dei titoli e, facoltativamente, dell’esperienza professionale per l’ammissione alle successive fasi concorsuali, fermo restando che il punteggio dei titoli concorrerà alla formazione del punteggio finale. In aggiunta, le Pa avranno la possibilità di adottare ulteriori modalità in alternativa a quelle più complesse già disposte dalle attuali norme di legge: l’utilizzo di sedi decentrate in ragione del numero di partecipanti e, se necessario, la non contestualità delle prove, assicurando comunque la trasparenza, l’omogeneità e lo stesso grado di selettività tra tutti i concorrenti.