Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Decreto Covid, ipotesi riapertura ristoranti a pranzo. Ma si deciderà dopo il 20 aprile

  • a
  • a
  • a

I ristoranti tornano a vedere un po' di luce in fondo al tunnel. Il governo, secondo quanto riferisce Il Corriere della Sera, sta valutando l'ipotesi di farli riaprire a pranzo nelle zone dove si registreranno meno contagi. In ogni caso non prima del 20 aprile quando dovrebbero essere studiati i dati dei vari territori per cercare di capire dove è possibile allentare le misure restrittive. Per il resto nel Consiglio dei ministri di domani mattina, 31 marzo, il governo dovrebbe confermare le zone arancioni e rosse per l'Italia senza contemplare, per il momento, zone gialle.

 

Tuttavia nel nuovo decreto con le misure per contenere i contagi Covid, atteso in Consiglio dei ministri domani, dovrebbe essere previsto un meccanismo che, da una data X in poi e in presenza di dati "molto positivi", potrebbe consentire un allentamento delle misure e delle restrizioni. Quella data, secondo il quotidiano di via Solferino, dovrebbe essere il 20 aprile. Si tratta del meccanismo chiesto a gran voce da Lega e FI, per evitare che fino al 30 aprile vi sia un'Italia divisa solo in aree rosse e arancione. La norma in questione - che tuttavia non dovrebbe espressamente menzionare le aree 'gialle' - consentirà degli alleggerimenti delle misure anti Covid, degli "sprazzi di giallo", chiariscono alcune fonti di Palazzo Chigi interpellate da l'AdnKronos.

 

Nel Consiglio dei ministri - in agenda alle 17.30 - ci sarà anche la norma per i cosiddetti operatori no vax nonché la misura per un ritorno ai concorsi pubblici in presenza. Lo confermano fonti di Palazzo Chigi. Non è ancora chiaro se la misura che porterà tutti i sanitari a vaccinarsi - evitando così che chi ha rifiutato la somministrazione possa infettare malati o ospiti di Rsa- sarà contenuta nel nuovo decreto con le misure anti contagio o verrà introdotta con un provvedimento ad hoc.