Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Domenica In, Sileri: "Tolleranza zero per medici e infermieri che non si vaccinano"

  • a
  • a
  • a

"Tolleranza zero verso gli operatori che non si vaccinano". Il sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri è tornato a spingere verso la linea dura contro infermieri, medici e lavoratori delle strutture sanitarie no vax. Ospite della puntata di Domenica In del 28 marzo ha risposto alle domande di Mara Venier sulla situazione dell'emergenza coronavirus in Italia. Il tema dei medici e degli infermieri che non si vaccinano è tornato d'attualità dopo che a Fiano Romano, un centro appena fuori Roma, è scoppiato un focolaio in una casa di riposo con 30 contagiati (27 anziani e 3 operatori). Una  buona parte del personale della struttura aveva rifiutato il vaccino.

 

 

"Se posso capire il cittadino che ha dei dubbi e che noi dobbiamo aiutare per informarlo meglio, non comprendo l'atteggiamento di coloro che per la posizione che hanno, per gli studio fatti e per la responsabilità che hanno verso la salute collettiva non si possono permettere di mettere in discussione i vaccini", ha tuonato Sileri in diretta per poi aggiungere: "Sono settimane che lo dico, sono per la tolleranza zero verso gli operatori che rifiutano il vaccino". Il sottosegretario ha confermato che il governo, come è stato anticipato nei giorni scorsi, sta studiando delle norme, che verranno con ogni probabilità inserite nel prossimo decreto che conterrà le misure anti Covid per il mese di aprile, per imporre l'obbligo di vaccinazione per queste categorie. Il sottosegretario ha anche confermato che il governo sta valutando anche l'ipotesi di dare uno "scudo legale" ai medici e agli operatori che sono impegnati nella campagna di vaccinazione.

 

Sileri durante l'intervista ha parlato anche della campagna vaccinale: "Dopo parole  la situazione per effetto dei vaccini già fatti inizierà a migliorare. Siamo fiduciosi per la prossima estate, Dobbiamo continuare con la campagna vaccinale per mettere in sicurezza le fasce più fragili".