Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dl Sostegni, Landini (Cgil): "No a condoni, vaccinare i lavoratori invece di licenziarli"

  • a
  • a
  • a

Critiche al Dl Sostegni arrivano dal segretario nazionale della Cgil, Maurizio Landini. "No a condoni, i lavoratori devono essere vaccinati non licenziati", ha detto il sindacalista a Repubblica. "È un errore da correggere quello del governo, mentre è del tutto sbagliata la scelta politica di un nuovo condono fiscale: un’offesa a chi paga sempre le tasse".

 

A Landini non convince la scelta "di inserire in un decreto per sostenere l’economia un nuovo condono fiscale. Che, come è evidente a tutti, non c’entra nulla con il lavoro, la povertà, l’emergenza. Anzi, è un modo di offendere chi le tasse le paga sempre anche per garantire, non dimentichiamolo, i diritti e i servizi a chi le tasse, invece, le evade. Pessima scelta". "Tra l’altro il condono del governo Conte I, quello Lega-M5S, arrivava fino a mille euro di sanzioni, questo del governo Draghi addirittura innalza il livello fino a 5 mila euro e la cancellazione delle cartelle vale sia per le persone fisiche sia per altri soggetti, senza alcun richiamo all’Isee. Qui ci vedo una netta contraddizione con le affermazioni contenute nel discorso programmatico del presidente Draghi. 

 

Quanto al blocco dei licenziamenti, Landini spiega che "questa dovrebbe essere una fase di coesione sociale, di unità del Paese. Invece aver stabilito che da luglio, in teoria, le imprese industriali potranno ricorrere ai licenziamenti collettivi mentre per gli altri settori di attività continuerà il blocco fino ad ottobre dividerà il Paese. Una decisione incoerente rispetto all’impegno del governo di arrivare in autunno ad una riforma condivisa,grazie al confronto aperto, degli ammortizzatori sociali. Penso, lo ripeto, che in questo momento i lavoratori andrebbero tutti vaccinati e non licenziati", ha concluso il numero uno della Cgil. Parole forti che potrebbero provocare modifiche al decreto nel suo passaggio in parlamento, qualora una forza dell'ampia maggioranza voglia intestarsi un cambio di rotta su questi due temi.