Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, nuovo incontro tra Governo e Regioni sul piano vaccini. Venerdì Cdm sulle misure restrittive

  • a
  • a
  • a

Nuovo incontro tra Governo e Regioni sul piano vaccini nella mattina di giovedì 11 marzo. Il presidente Stefano Bonaccini ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome alle 10 in videoconferenza. All’ordine del giorno i temi che saranno affrontati dalla Conferenza Unificata che la Ministra Maria Stella Gelmini ha convocato (sempre con modalità di videoconferenza) alle 14.30 ed in cui è prevista un’informativa del Ministro della Salute sul piano vaccini e sulle misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid.

 

Il giorno seguente, venerdì 12 marzo, alle ore 11 si riunirà invece il consiglio dei ministri, per decidere probabilmente nuove misure restrittive in vista della Pasqua. Resta da capire quando saranno operative: il premier aveva promesso di comunicare le decisioni in anticipo, per evitare chiusure last minute, e dunque appare improbabile che si parta già questo weekend mentre sembra ipotizzabile prendano il via lunedì. Il Cts ha consigliato una linea dura: nessun lockdown generalizzato a patto che si mettano immediatamente in atto una serie di restrizioni ben precise. A partire da una stretta anche in zona gialla, quella dove oggi ci sono le misure meno stringenti: per gli esperti bisogna chiudere i ristoranti anche a pranzo e anticipare il coprifuoco di due o tre ore.

 

La zona rossa, insistono dal Comitato tecnico scientifico, deve scattare in maniera automatica e non a discrezione dei governatori non appena si superi la soglia dei 250 casi ogni 100mila abitanti, e deve essere rafforzata rispetto a quelle attualmente vigenti dove i divieti vengono spesso disattesi. Inoltre nei weekend si propone il lockdown in tutto il territorio nazionale come già accaduto nelle festività natalizie. Insomma una serie di limitazioni pesanti ma che almeno per il momento eviterebbero di bloccare completamente il Paese. Draghi ha voluto esaminare ogni scenario e ogni aspetto nella riunione che si è tenuta a palazzo Chigi, rinviando qualsiasi scelta. L’eventuale stretta dovrà essere accompagnata da un aiuto ai cittadini, alle imprese e alle famiglie: nella riunione si è fatto il punto anche sul decreto sostegno a cui lavorano gli uffici del Mef e che dovrebbe essere pronto la prossima settimana.