Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Speranza: "Ancora settimane difficili. La curva dei contagi risale"

  • a
  • a
  • a

"Le prossime settimane saranno difficili". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza durante la presentazione del Programma nazionale esiti 2020, evento promosso dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. "La curva risale, le prossime settimane non saranno facili. Serve coraggio per decisioni coerenti", ha detto il titolare della delega alla sanità.

Il ministro poi ha parlato dell'importanza di avere una sanità omogenea nel territorio nazionale. "Penso che mai come in queste settimane si sia capito quanto valga avere un Servizio sanitario nazionale di qualità e investire su di esso",  ha detto il ministro nel suo discorso iniziale. Per Speranza se dalla pandemia Covid bisogna trarre una lezione è che "la stagione dei tagli vada chiusa definitivamente e che bisogna proseguire con una grande stagione di investimenti".

Gli obiettivi del governo, ha sottolineato Speranza, sono due:  "Da una parte la lotta contro il Covid e dall’altra programmare il servizio sanitario del futuro in modo da dare cure giuste a ogni cittadino in tutta Italia".  Il ministro ha concluso citando Papa Francesco che invita a non sprecare questa crisi, perché "il servizio sanitario nazionale è la pietra più preziosa che abbiamo". In merito ai vaccini ha poi aggiunto: "La campagna di vaccinazione va accelerata. I numeri stanno andando nella direzione giusta ma dovranno crescere".

 

Una posizione a quella espressa da Fabrizio Pregliasco. "Velocizzare la campagna vaccinale è l'unica speranza". Queste le sue parole ai microfoni di RaiNews24. Il virologo, direttore sanitario dell’istituto Galeazzi di Milano ha poi aggiunto: "Siamo per i vaccini nella stessa situazione delle mascherine a inizio pandemia: non ce ne sono abbastanza, solo avendo un menù con più vaccini si potrà farlo partire alla grande". Per questo negli ultimi giorni il governo sta accelerando per rivedere il piano vaccinale. Draghi, secondo le indiscrezioni che sono emerse da più parti, è intenzionato a mettere in campo la protezione civile per accelerare le somministrazioni.