Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, Pregliasco: "Somministrare una sola dose potrebbe essere efficace"

  • a
  • a
  • a

Se anche l'Italia facesse come il Regno Unito e si concentrasse sulla somministrazione della prima dose di vaccino, considerata la mancanza dei farmaci, potendo così coinvolgere il doppio delle persone. E' una ipotesi che andrebbe valutata secondo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi di Milano e membro del Cts lombardo, intervistato da iNews24.it. Pregliasco ha spiegato che "si tende sempre a parlare di fase 1, 2, 3, ma mai di fase 4, in cui si monitora, valutando via via. L’ipotesi è da valutare.

La scelta di somministrare una sola dose è legata all’emergenza, ma non per questo non sarà efficace. Si proteggerebbero più persone e poi dopo si penserebbe alla continuità. Sicuramente non ci basterà questo primo giro di vaccinazione, bisognerà richiamare le persone per vaccini magari aggiornati secondo le varianti. Se facciamo adesso un lavoro importante, i casi caleranno, ma poi dovremo darci una dose ulteriore di richiamo". Insomma un possibile cambio di strategia per cercare di far fronte all'impatto della nuova diffusione del Covid. Secondo Pregliasco "queste vaccinazioni, per una registrazione rapida, hanno uno schema iniziale che prevedeva due dosi fisse per ottenere un risultato. Stiamo vedendo che, come per altre vaccinazioni, si possono allungare i tempi. Non ne siamo certi, lo stiamo provando nella fase reale”.

Infine Pregliasco si è espresso anche sul caso del paramedico del Covid Hospital di Maddaloni, in provincia di Caserta, morto, colpito dalla variante inglese del Covid 19: “Nei primi dodici giorni dalla vaccinazione, di fatto si è ancora scoperti. Non so quanto tempo sia passato prima della seconda dose. Ma la risposta immunitaria cresce dopo le prime due settimane”. Intanto crescono le speranze che vengano velocizzate anche le pratiche burocratiche relative al farmaco messo a punto da Johnson & Johnson. Negli Stati Uniti è stato promosso e l'azienda ha garantito 20 milioni di dosi entro il mese di marzo