Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, vaccino. Obiettivo 19 milioni di dosi al mese. In campo la Protezione civile

  • a
  • a
  • a

L'obiettivo è arrivare a 600 mila vaccinazioni al giorno grazie alla'ito dei volontari della protezione civile. Il Corriere della Sera svela i dettagli del nuovo piano per velocizzare l'immunizzazione degli italiani e alzare uno scudo contro i contagi da Covid e varianti. Il governo sarebbe intenzionato a mettere in campo la protezione civile e in questo senso è cruciale la nomina, recente, di Fabrizio Curcio a capo dei volontari. L'accelerazione potrebbe scattare già da fine marzo e saranno decisivi un buona parte dei 300 mila volontari della Protezione civile soprattutto diverse migliaia di medici e sanitari che andrebbero ad aggiungersi a quelli delle Regioni con lo scopo di moltiplicare per cinque, o addirittura sei, l'attuale media giornaliera delle dosi portandole a una cifra vicina a 600 mila.

Oggi i numeri ci dicono che sono state somministrate da inizio gennaio 4,2 milioni di dosi e che hanno già lo scudo completo, cioè hanno ricevuto le due dosi, 1 milione e 400 mila italiani. La media delle dosi utilizzate finora arrivate in Italia è del 72%. Ma ci sono ancora troppe differenze di passo tra una regione e l'altra. Proprio per questo l'utilizzo della Protezione civile, che ha una presenza omogenea nel territorio, è apparsa la scelta più giusta.

Bisognerà capire poi se in Italia, come in Gran Bretagna, si opterà per un piano incentrato sulla monodose. a quel punto, ovviamente, bisognerà rivedere molto del piano e si potrebbero raggiungere i 19 milioni di dosi al mese smaltendo senza ritardi gran parte delle scorte. Si potrebbe abbandonare il sistema per fasce d'età puntando all'immunizzazione veloce del maggior numero di italiani,

La Protezione civile finora ha avuto un ruolo marginale nella campagna vaccinale in corso. In ogni caso dal Dipartimento - secondo quanto riferisce il Corriere della Sera - sono convinti di avere le strutture per dare la spinta decisiva. Tra le ipotesi quella di ampliare strutture sanitarie e ambulatori con tende e strutture mobili.