Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La vita privata e le gaffe in serie di Danilo Toninelli

  • a
  • a
  • a

Danilo Toninelli, attualmente senatore, è considerato uno dei volti storici e più noti del Movimento 5 Stelle. Classe 1974, nato a Soresina, in provincia di Cremona, è stato ministro dei trasporti del primo governo guidato da Giuseppe Conte. Oggi 26 febbraio Toninelli sarà tra gli ospiti di Oggi è un altro giorno, il programma su Rai 1 condotto da Serena Bortone. Laureato in giurisprudenza a Brescia, impiegato di una azienda privata, fino al 2013 ha lavorato come ispettore tecnico assicurativo. Ma tra il 1999 e il 2002 ha prestato anche servizio come ufficiale di complemento nell'Arma dei Carabinieri.

Al Movimento 5 Stelle ha aderito nel 2009 fondando il meetup cremasco. All'inizio della sua carriera due esperienze elettorali negative. Nel 2012 la bocciatura nelle regionali lombarde: ottenne solo 84 preferenze. Due anni più tardi si è candidato consigliere comunale a Crema, ma di voti ne ha presi appena nove. L'anno dopo l'elezione alla Camera dei Deputati e nel 2018 quella a senatore della Repubblica, nella quota proporzionale del partito. Dal primo giugno 2018 al 5 settembre 2019 ha ricoperto l'incarico di ministro delle infrastrutture e dei trasporti del governo guidato da Conte, costretto anche ad affrontare il disastro del crollo del Ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto 2018, tragedia in cui morirono 43 persone.

Toninelli spesso è stato al centro di attacchi e critiche anche satiriche per quelle che sono state considerate le sue molteplici gaffe, al punto che per alcune sue uscite è stato soprannominato proprio il ministro delle gaffe. Il capolavoro è quello sul tunnel del Brennero. A margine di un incontro con Violeta Bulc, commissaria Ue, sostenne che molte merci italiane e tanti imprenditori utilizzano proprio il tunnel del Brennero, opera che non esiste. Della sua vita privata si sa poco. E' sposato con Maruska Lavezzi e dalla loro unione sono nati due figli che si chiamano Soleste e Leonida.