Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Conte torna a insegnare all'Università di Firenze, venerdì video lezione in diretta

  • a
  • a
  • a

L'ex premier Giuseppe Conte torna ad insegnare all'Università di Firenze. E' l'agenzia AdnKronos ad anticipare che nella giornata di venerdì 26 febbraio, il già presidente del consiglio dei ministri sarà di nuovo all'ateneo. Incontrerà il rettore Luigi Dei al Rettorato di piazza San Marco, al termine dell'aspettativa obbligatoria, terminata dopo quasi tre anni per l'incarico di primo ministro. Come era stato precisato nei giorni scorsi, è prevista anche una riunione con la presidente della Scuola di giurisprudenza, Paola Lucarelli, e con il direttore del Dipartimento di scienze giuridiche, Andrea Simoncini.

L'incontro servirà per definire i prossimi impegni didattici come insegnante ordinario di diritto privato. Ma la giornata di venerdì non servirà soltanto per stabilire le date, Conte terrà subito una lezione in diretta video streaming, ovviamente senza pubblico in presenza. L'inizio è fissato per le ore 15.30 e la lezione verrà trasmessa sul sito dell'Università www.unifi.it e sul canale youtube della stessa università. Il tema della lezione sarà la sua esperienza di governo. Conte, classe 1964, nato a Volturara Appula, in provincia di Foggia, è iscritto all'albo degli avvocati dal 1992 ed è cassazionista dal 2002. Ha conseguito nel 2000 l'idoneità a professore associato di diritto privato e nel 2002 quella di professore ordinario. Ha insegnato alla Lumsa, all'Università di Roma Tre e all'Università di Sassari ed è professore ordinario di diritto privato all'Università di Firenze e docente presso la Luiss di Roma.

A settembre del 2013 era stato eletto alla Camera dei deputati come componente laico del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, organo di autogoverno dei magistrati amministrativi. E' stato vicepresidente tra il 2016 e il 2017. Alla politica, invece, si è affacciato a fine febbraio 2018, quando l'allora capo Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, l'ha presentato come futuro candidato ministro della pubblica amministrazione in caso di vittoria del partito alle Politiche.