Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Arcuri in bilico. Il commissario ha i giorni contati

  • a
  • a
  • a

Il suo incarico scade il 31 marzo, ma c'è chi preme per farlo licenziare prima. Il commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Domenico Arcuri è sempre più in bilico dopo il cambio del governo. Secondo quanto riferisce il quotidiano Il Tempo avrebbe i giorni contati. Da una parte c'è la scadenza naturale, dall'altra il pressing per farlo dimettere subito e avviare il nuovo corso anche per quanto riguarda la gestione dell'emergenza.

 

L'ipotesi più accreditata al momento, pare decisa dal premier Mario Draghi, è quella di arrivare alla scadenza naturale. Insomma si aspetterà la fine naturale del mandato. Il decreto che istituì il commissario emanato nel marzo dello scorso anno e poi convertito in legge precisava che "il commissario opera fino alla scadenza dello stato di emergenza e delle relative proroghe". prolungamento fino al 31 marzo che poi arrivò con l'approvazione del decreto milleproroghe alla fine del 2020.
Tuttavia in qualche modo il nuovo premier pare essere intenzionato a cambiare passo per quanto riguarda l'emergenza. Le sue parole sulla campagna di vaccinazione sono state chiare e suonano come un preavviso di sfratto per il commissario: "Abbiamo bisogno di mobilitare tutte le energie su cui possiamo contare, ricorrendo alla Protezione civile, alle forze armate, ai tanti volontari". Niente più primule, ma una campagna a tappeto di vaccinazione per arrivare all'estate con un buon numero di italiani vaccinati. L'obiettivo sarebbe quello di immunizzare la metà della popolazione per far ripartire il turismo.

 

L'ultima grana per il commissario Arcuri è arrivata giovedì 18 febbraio quando la Procura di perugia ha incaricato i carabinieri del Nas di acquisire la documentazione inerente la fornitura dei vaccini in Italia. Insomma per il commissario, uomo di fiducia dell'ex premier Conte,  sembra essere suonata la campanella. Questione di giorni. Difficilmente il nuovo governo lo confermerà in questa casella cruciale per il rilancio del Paese.