Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alessandro Di Battista (M5S): "Non cambio idea sul governo Draghi, nulla di personale ma resto contrario"

  • a
  • a
  • a

Alessandro Di Battista non si piega e resiste nella sua posizione contraria alla nascita del governo guidato da Mario Draghi. Il Movimento 5 Stelle, anche grazie alla "mediazione" di Beppe Grillo, sembra orientato a sostenere il tentativo dell'ex numero uno della Bce di formare un esecutivo istituzionale. Ma Di Battista resta contrario e questa mattina, su Facebook, ha pubblicato un nuovo post. Non arretra un millimetro. "Sia chiaro, non ho dubbi che il Professor Draghi sia una persona onesta, preparatissima ed autorevole. Questo non significa che lo si debba appoggiare per forza. Io contrasto Draghi non sul piano personale ma su quello politico. E, ripeto, non cambio idea. Oltretutto l'assembramento parlamentare che si sta delineando è l'antitesi della politica".

Poi Di Battista invita i suoi followers a rileggersi ciò che aveva scritto sul professore il 31 agosto scorso: “Draghi non è cambiato, non si è convertito all’interesse generale, non ha preso coscienza delle perversioni del liberismo. D’altro canto un capitalista finanziario è per sempre. Semplicemente vuole fare il presidente della Repubblica e per arrivare al Quirinale è disposto persino a guidare un governo di unità nazionale (Dio ce ne scampi) se gli venisse richiesto”. Parole - spiega - "che  ho scritto cinque mesi fa. Le scrissi quando ebbi la sensazione che si stesse lavorando ad un governo Draghi". Dunque il leader dell'ala movimentista dei pentastellati conclude: Si può rispettare un uomo anche facendo opposizione. Io la mia scelta l'ho presa, e vado fino in fondo", un messaggio che appare rivolto ai compagni del Movimento che in questi giorni hanno cercato di riportarlo nei ranghi.

Parole che hanno un seguito nel Movimento come dimostra il post pubblicato qualche ora fa, sempre su Facebook, da Barbara Lezzi, ministro del sud nel governo Conte uno, quello con la Lega: "Se volessi prendermi un fragoroso vaffa da Alessandro Di Battista, dovrei, come riportano alcuni articoli, negoziare per farlo entrare in questo governo indigeribile. Comprendo che sia difficile da credere ma esiste ancora qualcuno che alle poltrone rinuncia in nome della serietà e del vero bene del paese. Alessandro è una di queste. Può non piacervi ma rassegnatevi alla realtà una volta per tutte", scrive in un post nel quale pubblica la foto di lei e Di Battista che si abbracciano su un palco. Messaggio chiaro.